Prospettive 40

Compra su Amazon

Prospettive 40
Autore
GIULIA CALFAPIETRO
Editore
Pagine
Pubblicazione
6 luglio 2015
Categorie
Antica è l’immagine del corpo, della carne, come ciò che, metaforicamente, ingabbia la nostra anima, simbolo di apertura ed infinita potenzialità, in una prospettiva tattile egotista (la più semplice e immediata) rivolta verso la nostra individualità e null’altro. La relazione, nel senso più universale e naturale possibile, è la più grande risorsa in nostro possesso verso la liberazione dell’anima, è ciò che permette alla Psyché, che è anche farfalla, di volare in alto, sempre di più e poi guardare in basso e scoprire di poter abbracciare, con lo sguardo, davvero tutto. Cosa può essere, in una trasposizione concreta, il volo della Psyché se non l’atto poetico in sé? Quell’atto che, unico e solo, sfumai contorni corporei e trascende verso una prospettiva “meta”, ricca di infinite sfaccettature e possibilità. Quell’atto che ci relaziona con l’intimità più profonda di noi e dell’altro aiutandoci ad aprire lo sguardo e ad (ac)coglierele infinite alterità prospettiche che, quasi magicamente, ci preservano da una sterile e cieca auto-prigionia: “Euforia significa vedere le cose sotto una prospettiva tutta particolare. Euforia significa liberazione momentanea dalle imposizioni della carne che invecchia, della carne prudente, esasperante, spaventata”(William Burroughs).



Autori:

GIULIA CALFAPIETRO

VITTORIA SILVIANA IORIO

LINA MAGLIONE

SARA MONTELLA

LUCA SEDIOLINI

LUIGI SPRECAPANE

GRAZIA MARIA VEDOVATO

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di GIULIA CALFAPIETRO

Prima di andare

Prima di andare di

Dopo il disastro aereo A320 della Germanwings - Lufthansa, il 24 marzo del 2015, fra le montagne francesi, e la notizia che, a bordo, c’era anche un gruppo di studenti di una scuola superiore tedesca, di ritorno da uno scambio linguistico all’estero, accompagnati da due docenti di lingua straniera, mi sono immaginata coinvolta in un’esperienza in parte simile a questa. Sono anch’io un’insegnant...