La favola di amore e Psiche (Emozioni senza tempo Vol. 211)

Compra su Amazon

La favola di amore e Psiche (Emozioni senza tempo Vol. 211)
Autore
Apuleio
Pubblicazione
01/07/2015
La favola di Amore e Psiche è tra i passi della letteratura latina più belli e godibili per un lettore moderno. Incastonata da Apuleio come un gioiello nel bel mezzo della narrazione de Le Metamorfosi (anche chiamato Lucio o L’Asino d’oro, il libro vanta tre titoli validi), la favola è una metafora eterna delle contraddizioni e dei compromessi tra spirito e corpo connaturati nell’esperienza amorosa. Abbiamo due protagonisti che si innamorano seriamente per la prima volta: il dio dell’Amore Cupìdo ovvero Amore stesso e la bella principessa mortale Psiche. Cupìdo per la prima volta vuole sposarsi, restare fedele a una sola persona, per la prima volta risulta ferito dalle proprie armi onnipotenti, è un dio col cuore reso vulnerabile e inconsolabile dal sentimento stesso di cui è portatore. Psiche, dalla sua, è colpita dall’invidia deorum (l’ostilità degli dèi, nel suo caso l’ira di Venere), si trova sola di giorno in un luogo incantevole e incantato, di notte può solo toccare, ascoltare e abbracciare Cupìdo senza sapere chi sia e vedere che aspetto abbia; è su una vetta di fortune, è la sposa del dio Amore in persona, ma non lo sa. Cupìdo vuole Psiche e Psiche vuole Cupìdo: sono due eroi contro le leggi di comportamento presso le quali sono cresciuti. Per il dio Amore innamorarsi davvero è una caduta verso incomprensibili realtà terrene, per la mortale Psiche è una salita troppo ardua verso verità celesti. Allo stesso tempo Psiche – Anima deve passare attraverso prove terrene terribili per mondarsi della colpa di h?bris, tracotanza verso gli dèi, e Cupìdo – Amore terreno deve innalzarsi verso vette più spirituali per comprendere il sentimento maturato in lui, deve sentirsi tradito, soffrire, aspettare, guarire per poter infine salvare la sua sposa.
Inutile raccontare oltre qui, lascio i lettori ad Apuleio e alla mia traduzione di questa bellissima favola a lieto fine.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione

Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Apuleio

L'asino d'oro

L'asino d'oro di Apuleio

"Ma il giorno è vicino ormai" gli rispondo "e poi che cosa potrebbero portar via i briganti a un viandante povero e senza un soldo? Forse non lo sai, cretino, ma un uomo nudo non riuscirebbero a spogliarlo nemmeno dieci lottatori di palestra!"

Amore e Psiche

Amore e Psiche di Apuleio

Fu una volta un re in una certa città, e una reina, al tempo degl'Iddii, i quali avevano tre figliuole tutte e tre bellissime; ma le dua di più tempo, ancorchè, come io ti ho detto, fossero di singolar bellezza, potevan pure essere annoverate fra le donne umane: ma quella minore era adornata di sì maravigliosa e divina bellezza, ch'egli non sarebbe possibile esprimerla con umane parole.

Le metamorfosi: o L'asino d'oro

Le metamorfosi: o L'asino d'oro di Apuleio Sinapsi Editore

Al centro de Le metamorfosi, o L'asino d'oro, troviamo Lucio e la sua trasformazione in un asino a seguito di un esperimento. È questo l'episodio chiave del romanzo, che muove il resto dell'intreccio: il secondo livello narrativo, infatti, è costituito dalle peripezie dell'asino che, nell'attesa di riassumere le sembianze originarie, si vede passare di mano in mano, mantenendo però il ...

Amore e Psiche: da Le Metamorfosi

Amore e Psiche: da Le Metamorfosi di Anna Morena Mozzillo Anna Morena Mozzillo

“Erant in quadam civitate rex et regina. Hi tres numero filias forma conspicua habuere…” (“C’erano una volta in una città un re e una regina che avevano tre belle figlie…”). Ecco l’incipit del racconto, inserito nell’avvincente romanzo di Apuleio “Le Metamorfosi”. E' una delle più affascinanti storie d’amore della mitologia greca, ripresa poi dagli autori latini, come Apuleio, e ha come ...

L'Asino d'oro

L'Asino d'oro di Apuleio Passerino

L'Asino d'oro (Asinus aureus), è un'opera della letteratura latina di Lucio Apuleio (II secolo d.C.). È l'unico romanzo antico in latino pervenuto interamente ad oggi. Lucio Apuleio (Madaura, 125 – 170 circa) è stato uno scrittore, sacerdote, filosofo e mago romano di scuola platonica. Traduzione dal latino di Agnolo Firenzuola.

La favola di Amore e Psiche

La favola di Amore e Psiche di Apuleio Garzanti Classici

Traduzione di Nino Marziano Incastonata come digressione nelle Metamorfosi , questa favola preziosa è uno dei più famosi e celebrati racconti d’amore di tutti i tempi. Il dio Amore, invaghitosi della bellissima Psiche, la visita ogni notte, con il patto che essa non cerchi mai di vedere il suo volto. Istigata dalle invidiose sorelle a scoprirne l’identità, la fanciulla sarà punita e, solo ...