Ragione e sentimento (Emozioni senza tempo)

Compra su Amazon

Ragione e sentimento (Emozioni senza tempo)
Autore
Jane Austen
Editore
Fermento
Pubblicazione
1 luglio 2015
Categorie
Uno dei romanzi più celebri della grande scrittrice britannica, ebbe enorme successo già all'epoca della sua uscita, datata 1811 e firmato anonimo. La storia delle due sorelle Dashwood, dal carattere opposto, dà anche il titolo al libro: la più grande, Elinor di 19 anni, rappresenta la ragione. La più piccola, Marianne di 17, il sentimento. Il tema del rapporto contrastante tra le due potrebbe essere un riferimento a quello che la Austen ebbe con sua sorella maggiore, Cassandra. L'autrice si schiera dalla parte della ragione, ma potrete leggere queste pagine anche come una sorta di parodia del romanzo romantico che era andato di moda fino agli ultimi anni del Settecento. Le sorelle vengono comunque tratteggiate in maniera articolata e profonda, spaziando tra l'intelligenza e il talento musicale della maggiore e la sincerità e la capacità di amare profondamente della seconda. Inoltre anche i personaggi secondari sono tratteggiati attraverso la tipica, irresistibile ironia di una delle più grandi autrici nella storia della letteratura britannica. La storia è da sempre molto apprezzata da cinema e televisione, che ne hanno ciclicamente riproposto adattamenti, fino al grande successo del film omonimo diretto da Ang Lee e caratterizzato da un cast eccellente con Emma Thompson, Hugh Grant e Kate Winslet. All'interno - come in tutti i volumi Fermento - gli "Indicatori" per consentire al lettore un agevole viaggio dentro il libro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Jane Austen

Emma (Evergreen)

Emma (Evergreen) di

Romanzo che narra le vicende della ventenne Emma Woodhouse, il cui hobby risulta quello di intrecciare flirt e combinare matrimoni, non sempre però con esiti fortunati. Libro in lingua originale inglese con traduzione in italiano.

Orgoglio e pregiudizio (Grandi classici)

Orgoglio e pregiudizio (Grandi classici) di

La vanità e le debolezze della vita di provincia fanno da sfondo a un delle più belle storie d'amore della letteratura.Pubblicato a Londra, da T. Egerton, nel 1813In provincia non succede mai molto, e l’arrivo di due scapoli giovani e benestanti è un avvenimento. Specialmente in una casa con ragazze in età da marito e di scarsi mezzi, come sono le cinque sorelle Bennet. Eppure, fin dal primo in...

Orgoglio e pregiudizio

Orgoglio e pregiudizio di

Mnamon fin dall'inizio ha deciso di non pubblicare i classici della letteratura, italiana o straniera, che ciascuno può procurarsi altrove, navigando in Internet.Perché dunque questa eccezione?La decisione è motivata dall'assoluta originalità della traduzione, arricchita da note che integrano in modo completo il testo, non trascurando alcuna occasione per fornire al lettore le chiavi corrette d...

I Watson ed Emma Watson (Narrativa)

I Watson ed Emma Watson (Narrativa) di

Era il 1803 quando Jane Austen mise mano alla stesura di un romanzo che non avrebbe mai trovato compimento e sarebbe stato pubblicato per la prima volta solo nel 1871, a cura del nipote dell'autrice, James-Edward Austen-Leigh, il quale lo intitolò I Watson. Un'opera che gli amanti della grande scrittrice avrebbero sempre desiderato leggere per intero, avendo tutte le caratteristiche delle sue o...

Emma (BUR GRANDI ROMANZI)

Emma (BUR GRANDI ROMANZI) di

È un errore considerarela scrittura elegantee razionale di Jane Austen comeuna conversation piece. La Austen èuna scrittrice politica. Però sotto lerighe. La misura dei suoi dialoghicontiene una forza sovversiva: Emma è un romanzo sulla manipolazionedegli altri, sul potere che ci vuole asua immagine e somiglianza. Ma allostesso tempo (e qui si vede la grandenarratrice) è la storia di una donnas...

Mansfield Park (BUR CLASSICI MODERNI)

Mansfield Park (BUR CLASSICI MODERNI) di

Fanny Price è diversa da tutte le altre eroine di Jane Austen: nonha il senso dell’umorismo di Elizabeth Bennet né la frivolezzadi Emma, e nemmeno la consapevolezza di Elinor Dashwoodo l’irruenza di sua sorella Marianne. Fanny è tutta buon senso,umiltà, riservatezza e vulnerabilità. È il personaggio più passivodel romanzo, eppure dal punto di vista dell’azione morale, Fannyè la più attiva perch...