La neve del Vesuvio

L'intensa storia della scoperta da parte del piccolo Tonino della neve candida e incontaminata sulla cima del Vesuvio e il duro e inaspettato impatto del bambino con la vita degli adulti insieme ad altri delicati racconti di uno dei più significativi autori italiani contemporanei.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Raffaele La Capria

Ultimi viaggi nell'Italia perduta (AsSaggi)

Ultimi viaggi nell'Italia perduta (AsSaggi) di

“‘Rievocare i paesaggi del passato non si può, diremo che Dio non vuole; vi è in essi alcunché dell’Eden consentito all’uomo una volta sola... egli non può rientrarvi.’Questa frase mi tornava alla mente mentre mettevo insieme questo libro dove appunto si parla di quell’Italia perduta che oggi ci appare – attraverso le parole di alcuni degli ultimi viaggiatori che la videro in un tempo non lonta...

Umori e malumori

Umori e malumori di

“In tempi in cui la complicazione viene confusa con l’intelligenza, e sembra piú profonda della semplicità, io ho scelto per me ‘lo stile dell’anatra’ – della leggerezza che non mostra lo sforzo che si fa per ottenerla – tenendo sempre presente che semplicità non è semplificazione, e vale solo dopo aver sbrogliato il gomitolo della complessità”. Queste brevi prose di Umori e malumori raccontano...

Napoli: Napolitan graffiti, L'armonia perduta, L'occhio di Napoli

Napoli: Napolitan graffiti, L'armonia perduta, L'occhio di Napoli di

In questo volume sono raccolti tre libri dedicati da Raffaele La Capria a Napoli: L'armonia perduta , del 1986, un'analisi del rapporto sempre ambiguo e sfaccettato tra lo scrittore e la sua città; L'occhio di Napoli , del 1994, una sorta di taccuino, un piccolo zibaldone di pensieri; infine Napolitan graffiti , del 1998, una commossa rievocazione degli intellettuali napoletani con i quali l...

Esercizi superficiali (Libellule)

Esercizi superficiali (Libellule) di

La leggerezza di un grande maestro contro la falsa profondità: una dichiarazione di poetica e di amore per l'uomo.

Ferito a morte

Ferito a morte di

«Testimonianza vibrante di quegli irripetibili anni Cinquanta napoletani e italiani - teneri e sfacciati, avviticchiati e svaniti come i giri di un cavatappi - e fedelissima alle loro sfumature più dolorosamente superficiali ed effimere, Ferito a morte è anche un classico. È un libro straordinario, che fonde perfettamente natura e storia, coerenza strutturale della costruzione narrativa e impal...