Corto viaggio sentimentale

Corto viaggio sentimentale è un racconto di Italo Svevo scritto nel 1928 e rimasto incompleto a causa della morte dell'autore. Il signor Aghios, protagonista della novella, intraprende un viaggio in treno da Milano a Trieste, durante il quale incontra diversi personaggi, con cui non può far a meno di conversare. La figura del protagonista è infatti quella dell' "inetto" in una sua particolarissima sfumatura: cercando di essere gentile con tutti e sentendosi subito intimamente legato al prossimo, cerca un appagamento interiore; ci appare innocuo, pur nella sua consapevolezza del mondo più volte manifesta, e vorrebbe allo stesso tempo la libertà del viaggio (e dunque la conseguente libertà di non dover nulla a nessuno) e il legame con l'altro, l'aiuto reciproco e la fiducia negli esseri umani. Attraverso i suoi pensieri capiamo che non abbiamo a che fare con un ingenuo o con uno sprovveduto: la conoscenza dei caratteri e delle debolezze umane lo portano a dare giudizi o a fare considerazioni quasi geniali. Tuttavia, il suo ricercare approvazione e affetto negli sconosciuti lo porterà, sul finale, ad essere derubato proprio da un suo compagno di viaggio che egli aveva appena conosciuto e che aveva addirittura aiutato. Qui, con una parola spezzata, si interrompe il racconto, inaspettatamente. Il lettore non è portato a provare pietà per il protagonista, che appare invece un poco ridicolo: in fondo, il suo egoismo e la sua ipocrisia meritavano la vendetta della cattiveria umana.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Italo Svevo

Racconti

Racconti di Italo Svevo

L’opera contiene: La tribù, Il malocchio, La buonissima madre, La madre, Orazio Cima, Giacomo, Argo e il suo padrone, Marianno, Cimutti, In serenella, L’avvenire dei ricordi, Incontro di vecchi amici, La morte, Proditoriamente, Un contratto, Le confessioni del vegliardo, Umbertino, Il mio ozio, Il vecchione.

L'assassinio di via Belpoggio

L'assassinio di via Belpoggio di Italo Svevo

Dunque uccidere era cosa tanto facile? Si fermò per un solo istante nella sua corsa e guardò dietro a sé: Nella lunga via rischiarata da pochi fanali vide giacere a terra il corpo di quell’Antonio di cui egli neppure conosceva il nome di famiglia e lo vide con un’esattezza di cui subito si meravigliò. Come nel breve istante aveva quasi potuto percepirne la fisionomia, quel volto magro da ...

Una vita: Edizione Integrale

Una vita: Edizione Integrale di Italo Svevo Sinapsi Editore

Una vita è il racconto di un'iniziazione impossibile. Giovanissimo impiegato di banca, da poco inurbato, che chiama "malattia" il suo disagio sociale e sogna il successo come riscatto, Alfonso Nitri coltiva sogni. Fantasticherie che bloccano la presa di coscienza; il sogno notturno di intensa vividezza, in rapporto stretto ma imprecisabile con l'esperienza reale, che fornisce intermittenti ...

La coscienza di Zeno: Edizione Integrale

La coscienza di Zeno: Edizione Integrale di Italo Svevo Sinapsi Editore

La coscienza di Zeno (1923) è il capolavoro di Italo Svevo e uno dei più rilevanti romanzi della letteratura europea del Novecento. Nelle sue pagine prende vita la tragicommedia di un "inetto a vivere". È Zeno Cosini, che, sollecitato dal proprio psicanalista, ripercorre le tappe della sua inconcludente esistenza punteggiata dai ripetuti tentativi di smettere di fumare, dalle insoddisfazioni ...

Senilità: con illustrazioni (I libri delle vacanze Vol. 10)

Senilità: con illustrazioni (I libri delle vacanze Vol. 10) di Italo Svevo

Subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla che non intendeva compromettersi in una relazione troppo seria. Parlò cioè a un dipresso così: – T'amo molto e per il tuo bene desidero ci si metta d'accordo di andare molto cauti. Così inizia Senilità. Pubblicato nell'indifferenza generale nel 1898, viene riscoperto solo dopo il successo de La coscienza di Zeno, oltre un quarto di ...

I tre romanzi di Italo Svevo: Una vita Senilità La coscienza di Zeno (con illustrazioni)

I tre romanzi di Italo Svevo: Una vita Senilità La coscienza di Zeno (con illustrazioni) di Italo Svevo

Italo Svevo scrisse e pubblicò solo tre romanzi nella sua vita. Il primo, Una vita, nel 1892, a sue spese. Il secondo, Senilità, nel 1898. Come scriverà più tardi, Senilità fu sostanzialmente ignorato fino a che critica e pubblico non scoprirono La coscienza di Zeno, la terza e ultima opera dello scrittore triestino. Uscita nel 1923, l’opera inizialmente non ebbe successo. Solo nel 1925 grazie ...