El Pavarott

In prima persona, il piccolo Ivan, ragazzino di 12 anni, racconta la storia di suo padre, soprannominato El Pavarott per la forte somiglianza con il tenore. È un padre simpatico e Ivan gli vuole molto bene, ma è un furfante, un contrabbandiere. Per diventare un uomo onesto le prova davvero tutte!
Ivan è senza la mamma e non sa niente di lei. Iniziano però ad arrivargli misteriose lettere...

Un racconto che fa ridere, commuovere e pensare.

Luca Doninelli (Leno, 1956) è uno degli esponenti più autorevoli della narrativa italiana.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luca Doninelli

Le cose semplici (Narratori italiani)

Le cose semplici (Narratori italiani) di

Un giovane incontra a Parigi una ragazzina enfant prodige della matematica e i due s’innamorano, si fidanzano, si sposano. Lei, poco più che ventenne, va in America. Ma il mondo s’inceppa e in un batter d’occhio tutto finisce: niente più petrolio, niente più energia elettrica, commercio né moneta, niente più regole sociali.Ovunque solo guerre e carneficine.Il mondo si imbarbarisce e la sua cadu...

Fa' che questa strada non finisca mai (AsSaggi)

Fa' che questa strada non finisca mai (AsSaggi) di

“Qualcuno dice però che, tra le sofferenze di quella notte e del giorno successivo, la più grande per il Nazareno fu quella di non vedere me, e io penso che quel qualcuno abbia ragione, perché non solo io e quell’uomo eravamo veramente amici, ma lui è stato il più grande tra tutti i miei amici, e forse io il suo.”Lo si capisce leggendo attentamente il Vangelo: quella tra Gesù e Giuda Iscariota ...

Una gratitudine senza debiti

Una gratitudine senza debiti di

Quella che leggerete è una storia piccola, quasi invisibile. È la storia della mia amicizia con il mio maestro, Giovanni Testori (1923-1993). Se la propongo ai lettori è per due ragioni: la prima è perché essa apre una finestra su uno dei rapporti fondamentali che legano le persone tra loro, il rapporto maestro-discepolo. La seconda è perché Giovanni Testori si è situato in controtendenza rispe...