Bella era bella, morta era morta

Una donna è morta, probabilmente è stata assassinata, il corpo abbandonato sul greto del fiume di una grande città del Nord. La prima a scoprirlo è una giovane donna a passeggio con il suo cane, seguita a ruota da altri personaggi che abitualmente frequentano quel tratto di fiume. Chi era quella donna, così bella ed elegante, che uno di loro è convinto di aver conosciuto in passato? Chi e perché l’ha uccisa? Nessuno però si affretta a denunciare l’accaduto, tutti intrappolati nel proprio meschino personale… Mentre l’inquietudine in chi si è sottratto al proprio dovere aumenta, si dilata, esplode, cresce il mistero attorno alla donna morta. Sino all’imprevedibile finale.Questo libro è per chi ama I soliti ignoti, per chi cerca la verità in una risata, per chi cammina lungo i fiumi al mattino e si ferma ad ammirare il volo geometricamente perfetto che gli uccelli disegnano nel cielo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Rosa Mogliasso

1791 -  Mozart e il violino di Lucifero

1791 - Mozart e il violino di Lucifero di

UNA PROFEZIA, UN BAMBINO PREDESTINATO, DUE SOCIETÀ SEGRETE, PERSONAGGI STORICI E IMMAGINARI, UNA MUSICA FATALE…Si può indagare su un violino come s’indagherebbe su un delitto? Si possono utilizzare i frammenti di un prezioso strumento accidentalmente stritolato tra le porte automatiche di un teatro come indizi di un crimine che trova le sue radici nel passato e solo nel presente può essere svel...

Chi bacia e chi viene baciato (Salani Romanzi)

Chi bacia e chi viene baciato (Salani Romanzi) di

Non sempre il destino è cinico e baro: anzi, talvolta si maschera da fastidioso contrattempo per imprimere una svolta epocale. Barbara Gillo non ha quasi il tempo di disperarsi per la perdita del suo insostituibile braccio destro, Peruzzi, e per l’allontanamento quasi definitivo del commissario Zuccalà, (ex?) fidanzato, che il destino le serve su un piatto d’argento il caso di una giornalista f...

La felicità è un muscolo volontario (Salani Romanzi)

La felicità è un muscolo volontario (Salani Romanzi) di

Nella vita di Barbara Gillo manca un po’ di sole. Più esattamente, quello che l’incostante fidanzato nonché collega palermitano Massimo Zuccalà ha spento quando si è rifiutato di trascorrere con lei il Natale. Per fortuna che Barbara può contare sul suo lavoro, che, al contrario del fidanzato, non la tradisce mai: la notte della vigilia risolve brillantemente un caso di pellicce rubate dall’app...