La pulce, la cerva e la vecchia scorticata: Tre fiabe da Lo cunto dei li cunti

Era tempo che Lo cunto de li cunti approdasse al grande cinema. Troppo forte è la suggestione dei personaggi, dei luoghi e delle storie di questo vero e proprio scrigno dell’arte di raccontare, che dalla corte napoletana del Seicento irradia tutta la sua luce su ogni genere di fiaba e di novella dei secoli successivi. Il genio letterario di Giambattista Basile aveva concepito la sua costruzione narrativa come un racconto dei racconti, incastonando cinquanta storie fantastiche dentro una storia-cornice e scegliendo la lingua napoletana per dar voce alla fantasmagoria colorata e trasgressiva delle sue fiabe. Il risultato, come decretò un secolo fa Benedetto Croce – suo primo estimatore e traduttore –, è che «l’Italia possiede nel Cunto de li cunti del Basile il più antico, il più ricco e il più artistico tra tutti i libri di fiabe popolari». All’alba del terzo millennio, Matteo Garrone ha deciso di tradurre in cinema l’esplosione fantastica e la fascinazione onirica di queste storie stupefacenti. Il suo film è costruito attorno alle tre fiabe che qui vengono proposte, e che rappresentano un ghiotto assaggio delle cinquanta complessive. Tre storie avvincenti e trasgressive che dipanano il tema delle passioni – dall’amore all’amicizia, dall’invidia alla seduzione – sul filo del grottesco e dell’inquietudine, del comico e del ripugnante, del licenzioso e dello scurrile, del dramma e della fiaba. Sono sentimenti declinati, in Basile, all’insegna degli estremi: strattonati tra bellezza e bruttezza, giovinezza e vecchiaia, altruismo e gelosia, lascivia e purezza; contornati da magie e incantesimi, stipati di fate, di orchi, di torri da espugnare, di insidie da snidare, di sollazzi e gozzoviglie, alla corte di re e all’ombra di castelli che si affacciano su boschi minacciosi o su ridenti giardini. Basile alla radice del fantasy moderno? Niente di meglio, per scoprirlo, che leggere queste tre fiabe, qui proposte anche col testo napoletano in appendice.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giambattista Basile

La gatta Cenerentola e altre fiabe

La gatta Cenerentola e altre fiabe di

Traduzione di Michele RakQuella tratta dal Cunto de li Cunti (1634-36) è la più antica versione del tradizionale racconto di Cenerentola, che ha poi ispirato Perrault e i fratelli Grimm. La giovane Zezolla, figlia di un principe, viene indotta dalla propria istitutrice a uccidere la matrigna, che sempre si è mostrata crudele con lei. Quando il padre decide di prendere in moglie la maestra, Zezo...

La vecchia scortecata: da Lo cunto de li cunti overo Lo trattenimiento de' peccerille de Gian Alesio Abbattutis

La vecchia scortecata: da Lo cunto de li cunti overo Lo trattenimiento de' peccerille de Gian Alesio Abbattutis di

Tratto da Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile, La vecchia scortecata è una delle tre fiabe in lingua originale scelte da Matteo Garrone per il film Il racconto dei racconti (2015). Napoli all’inizio del Seicento: Basile è alla corte napoletana del Viceré spagnolo, è un cortigiano che organizza feste e mascherate, che fa l’amministratore e lo scrivano quando serve, che compone musica e v...

Lo cuntu de li cunti - Il Racconto dei Racconti (Emozioni senza tempo)

Lo cuntu de li cunti - Il Racconto dei Racconti (Emozioni senza tempo) di

Lo cunto de li cunti è una raccolta di cinquanta fiabe in lingua napoletana scritte fra il 1634 e il 1636 a Napoli. Le cinquanta fiabe sono collocate in una cornice che segue il modello del Decameron di Boccaccio, anche se il linguaggio e i temi trattati sono diversi. Nonostante l’opera sia scritta con lo stile delle fiabe, è destinata a un pubblico adulto. Il testo è preceduto da una raccolta ...

Tre fiabe dal «Cunto de li cunti» (Il racconto dei racconti): I racconti da cui è tratto il film di Matteo Garrone

Tre fiabe dal «Cunto de li cunti» (Il racconto dei racconti): I racconti da cui è tratto il film di Matteo Garrone di

TRE FIABE DAL «CUNTO DE LI CUNTI» CHE HANNO ISPIRATO IL NUOVO GRANDE FILM DI MATTEO GARRONE IN CONCORSO AL FESTIVAL DI CANNES 2015 CON SALMA HAYEK, VINCENT CASSEL E TOBY JONES.Il volume contiene i racconti: La pulce – La cerva fatata – La vecchia scorticata.Scritto in una lingua teatrale, a Napoli, in piena età barocca, Lo cunto de li cunti (Il racconto dei racconti) ebbe un successo immediato,...