Il sosia (Libri da premio Vol. 64)

Compra su Amazon

Il sosia (Libri da premio Vol. 64)
Autore
Fëdor Dostoevskij
Editore
Nobel
Pubblicazione
13 maggio 2015
Categorie
Come molte altre opere dell'epoca, anche questo romanzo di Dostoevskij uscì inizialmente a puntate su una rivista russa nel 1846. Il tema del doppio, che è alla base di queste pagine, viene affrontato dal grande romanziere riprendendo un argomento già ampiamente trattato in ambito filosofico e religioso, di lì a poco poi anche in chiave psicologica. Il protagonista è un consigliere titolare che si innamora della figlia del proprio superiore e, dopo essere stato cacciato da un ricevimento presso il palazzo di lei, incontra un uomo che si rivela essere il suo perfetto sosia: non solo fisicamente, ma anche nelle esperienze di vita. Costui prende a seguirlo costantemente e a metterlo in imbarazzo puntualmente, fino a ridurlo alla follia più estrema. Il finale, classico per certi versi ma inaspettato per molti altri, merita di essere letto in apnea. Un altro capolavoro di uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi, che qui sembra quasi abbandonare il terreno della narrativa pura per addentrarsi nei territori della psicoanalisi. All'interno - come in tutti i volumi Nobel - gli "Indicatori" per consentire al lettore un agevole viaggio dentro il libro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Fëdor Dostoevskij

Delitto e castigo

Delitto e castigo di

Delitto e castigo è un romanzo pubblicato nel 1866 dallo scrittore russo Fëdor Dostoevskij e ambientato a San Pietroburgo. Insieme a Guerra e pace di Lev Tolstoj, questo libro fa parte dei romanzi russi più famosi e influenti di tutti i tempi. Esso esprime i punti di vista religiosi ed esistenzialisti di Dostoevskij, con una focalizzazione predominante sul tema del conseguimento della salvezza ...

Delitto e castigo: Romanzo in sei parti e un epilogo (Einaudi tascabili. Classici)

Delitto e castigo: Romanzo in sei parti e un epilogo (Einaudi tascabili. Classici) di

Leggi un estratto *** Raskol'nikov è un giovane che è stato espulso dall'università e che uccide una vecchia usuraia per un'idea, per affermare la propria libertà e per dimostrare di essere superiore agli uomini comuni e alla loro morale. Una volta compiuto l'omicidio, però, scopre di essere governato non dalla logica, ma dal caso, dalla malattia, dall'irrazionale che affiora nei ...

I demoni (Emozioni senza tempo)

I demoni (Emozioni senza tempo) di

Ecco uno dei romanzi più cupi e fitti di mistero della produzione di Dostoevskij. Già dal titolo si capisce che non è un'opera come le altre: alcuni lo hanno tradotto come 'i dèmoni', altri come 'i demòni', in ogni caso si tratta della descrizione che calza a pennello per alcuni dei protagonisti di questo libro: uomini posseduti, guidati da spiriti maligni, indemoniati. Ebbe un successo progres...

L'eterno marito (Libri da premio Vol. 61)

L'eterno marito (Libri da premio Vol. 61) di

Pubblicato in doppia uscita sulla rivista 'Zarja' nel 1870, in questo romanzo breve di Dostoevskij i protagonisti sono gli uomini. Uomini qualsiasi, opposti per abitudine e comportamenti ma anche simili tra loro, uomini che abitano il tipico sottosuolo sociale che era il grande serbatoio narrativo del grande romanziere russo. In un quadro satirico di grande suggestione, ecco l'autore che ci mos...

Memorie del sottosuolo (Emozioni senza tempo)

Memorie del sottosuolo (Emozioni senza tempo) di

Romanzo del 1864 diviso in due parti, questo capolavoro di Dostoevskij prende il via come una critica sociale che si schiera contro il positivismo e tutti quegli ideali ottimistici che sono i fondamenti di una società basata su benessere, scienza e ragione. Secondo l'autore russo, l'uomo manifesta un desiderio di sofferenza che non può approdare a sentimenti di fratellanza né sfociare in alcuna...

Il sogno dello zio (Einaudi tascabili Vol. 1085)

Il sogno dello zio (Einaudi tascabili Vol. 1085) di

«Nel raffigurare la gretta società di provincia, Dostoevskij si ricollega alle invenzioni grottesche di Gogol¿. Com'è gogoliana l'assurda cittaduzza di Mordàsov, covo di ipocrisia e maldicenza, dove le ciarle dilagano in modo ossessivo, moltiplicandosi come in un labirinto di specchi. Tutto il racconto è percorso da un brulichio di comari stizzose e malevole, che si passan la voce con rapidità ...