Il fantasma di Canterville (Emozioni senza tempo)

Compra su Amazon

Il fantasma di Canterville (Emozioni senza tempo)
Autore
Oscar Wilde
Editore
Fermento
Pubblicazione
11 maggio 2015
Categorie
Pubblicato nel 1887 sulla rivista 'The Court and Society Review', è probabilmente il racconto più bello, amato e popolare di Wilde. Ironico, sorprendente, ambientato in un castello dell'Inghilterra di fine Ottocento infestato dallo sfortunato fantasma di Sir Simon, costretto a trascorrere tra le mura l'eternità fino al compimento di un'antica profezia, è irresistibile al pari dei suoi personaggi, come il capofamiglia americano Hiram Otis o i suoi terribili figli gemelli, non casualmente chiamati Stars e Stripes. Uno tra i più grandi capolavori di sempre nel campo della letteratura fantastica, adatto anche ai lettori più piccoli.

All'interno - come in tutti i volumi Fermento - gli "Indicatori" per consentire al lettore un'agevole viaggio dentro il libro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Oscar Wilde

Il ritratto di Dorian Gray (eNewton Classici)

Il ritratto di Dorian Gray (eNewton Classici) di

Introduzione di Masolino D’AmicoCon un profilo di Oscar Wilde scritto da James JoyceEdizione integraleIl sogno di possedere un ritratto che invecchi al suo posto, assumendo i segni che il tempo dovrebbe tracciare sul suo volto angelico, diviene per Dorian Gray una paradossale, terribile realtà. Ma non saranno tanto le tracce del tempo che passa a fermarsi sul dipinto di quel bellissimo giovane,...

L'importanza di chiamarsi Ernesto - Il ventaglio di Lady Windermere - Una donna senza importanza - Un marito ideale (eNewton Classici)

L'importanza di chiamarsi Ernesto - Il ventaglio di Lady Windermere - Una donna senza importanza - Un marito ideale (eNewton Classici) di

Introduzione di Masolino d’AmicoPremesse di Mario Bussagli, Lucio Chiavarelli e Paolo NoriTraduzioni di Aldo Camerino, Lucio Chiavarelli e Ginevra VivanteEdizioni integraliL’importanza di chiamarsi Ernesto, considerato da molti il capolavoro di Oscar Wilde, debuttò trionfalmente a Londra il 14 febbraio del 1895. Raffinato e provocatorio come sempre, con la storia di Ernesto, dandy conteso da tu...

Il fantasma di Canterville (Nuovi acquarelli)

Il fantasma di Canterville (Nuovi acquarelli) di

Il fantasma di Canterville, un piccolo capolavoro di Oscar Wilde il cui racconto è giocato con l'irresistibile umorismo che fa di lui uno degli scrittori più amati dal pubblico. Lo scontro emblematico tra la materia e lo spirito: da una parte gli americani, con il loro pragmatismo, e dall'altra la vecchia aristocrazia inglese grondante di tradizioni. Nel volume anche: Il Principe Felice e Il Pe...

La sfinge senza segreti (I corti di Alphaville)

La sfinge senza segreti (I corti di Alphaville) di

Lo scrittore britannico Oscar Wilde (1854 – 1900), accanto alle sue celebri opere teatrali e al romanzo "The picture of Dorian Gray", autentico (o quasi) manifesto del movimento letterario decadentista, è autore di un pugno di raccolte di racconti, due dei quali, "La sfinge senza segreti" (The sphinx without a secret) e "Il milionario modello" (The model millionaire), vengono qui presentati. Qu...

Il ritratto di Dorian Gray (Einaudi) (Einaudi tascabili Vol. 696)

Il ritratto di Dorian Gray (Einaudi) (Einaudi tascabili Vol. 696) di

Conservare bellezza e giovinezza a ogni costo, vivere in un infinito presente anche se il prezzo è un'infinita dannazione: la storia di Dorian Gray è probabilmente una delle piú note che la letteratura abbia mai raccontato, e non c'è generazione di lettori che non si sia confrontata con la straordinaria favola per adulti scritta da Oscar Wilde. Una favola che intreccia personaggi, o meglio anim...

Il principe felice

Il principe felice di

Il "Principe Felice" è una statua posta su una colonna, ricoperta di foglie d'oro e pietre preziose. Una notte una rondine, decide di prendere dimora ai piedi del Principe; questo le racconta la sua storia e le chiede di aiutarlo a cancellare le brutture e le miserie della città che in vita aveva sempre ignorato ma che adesso, dall'alto della colonna, vede fin troppo bene.