El Asesino: Protocollo Pekic (Segretissimo)

Per le vie di questa città non cammini tranquillo. Passo lungo e rapido, di solito, più corto e attento quando sfili tra gli edifici bassi. Una sorta di autodifesa che ti lascia l'impressione di essere più al sicuro, di avere tutto sotto controllo. Ma da queste parti non hai mai il controllo di niente. La città può ucciderti da un momento all'altro. Qui le pallottole schizzano più veloci di qualunque pensiero, non c'è tempo per le strategie. Si vive al secondo e in un secondo si muore. Sembra quasi di sentire l'odore del sangue che scorre ogni giorno sull'asfalto. Ci sono guerre che non possono essere combattute: una è quella che si svolge ventiquattr'ore su ventiquattro nelle strade di Ciudad Juárez. Lo sa fin troppo bene Rey Molina, nome di battaglia El Asesino. È sulle tracce di Kamil Pekic¿, l'amico che anni prima aveva attraversato il mondo inseguendo i fantasmi di una sua missione privata. Vuole scoprire cosa gli è successo, e sta per ottenere l'informazione che cerca. Ma per avere aiuto deve rischiare di essere un bersaglio. In qualsiasi istante, qualunque cosa accada, Rey è pronto a reagire. Quando si scatenerà l'inferno.

ALL'INTERNO, il racconto "Wildguy - Diamanti Insanguinati" di Jason Hunter.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Rey Molina

Noi siamo Legione (Segretissimo)

Noi siamo Legione (Segretissimo) di

Liberare una prigioniera in una pericolosa Samarcanda o paracadutarsi sopra una metropoli fantasma in Angola, esfiltrare un disertore dalla capitale cambogiana o muoversi con l'invisibilità del cecchino nelle ostili terre afghane, sopravvivere alle pallottole tra i ghiacci della Patagonia o scoprire il segreto che lega una tomba dell'Antico Egitto alle spie del Terzo Reich... Che la missione si...