The One (Le Caravelle)

Lorenzo Defilio, nato nel millenovecentosettantasette in provincia di Firenze, diplomato a pieni voti geometra, libero professionista, iscritto al Partito Comunista e da due anni sposato con Adele Ghiri, si sveglia una mattina tra le braccia di un’altra donna della quale sconosce l’identità, in una villa da sogno e – pur mantenendo i ricordi vivi della sua vita precedente – inizia a vivere l’esistenza di qualcun altro, adeguandosi al suo presente con astuzia e abile istrionismo. Di colpo è infatti l’ingegnere Paolo Alburni, di professione amministratore di più affermate società nazionali ed estere nonché competente uomo d’affari, sposato con una donna meravigliosa di nome Marisa Brughi.

Nel dubbio di condurre un’esistenza paranormale e giornalmente assillato da continui flashback e deja-vu, Paolo si rende conto di essere vittima di qualcosa di più grande di lui, un esperimento scientifico e complottistico forse, che gli stravolgerà la quotidianità. Quale sarà la verità che sconvolge i pensieri del protagonista di The One? Quali i segreti che si celano dietro la vita perfetta e impeccabile di Paolo Alburni, nella cui mente è presente, vivo e smanioso, il pensiero confuso di Lorenzo Defilio?

FRANCESCO DI GRAZIA è nato a Catania nel 1951, città nella quale tuttora risiede. La sua grande dedizione per il lavoro, il carattere irreprensibile, nonché il rispetto dei valori a lui trasmessi dalla famiglia di origine pervadono ogni pagina dei suoi scritti. Con Inkwell Edizioni ha già pubblicato con grande successo "La forza del passato", "Sulle ali di Pegaso" e "Camel, Bitte".
"The One" è il suo quarto romanzo.

digrazia_francesco@libero.it

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Francesco Di Grazia

Camel, bitte: Un ragazzo venuto dal sud (Le Caravelle)

Camel, bitte: Un ragazzo venuto dal sud (Le Caravelle) di

«Ma l’ingordigia, la malasorte o la convinzione che nulla di negativo potesse accadermi mi portava, raggiunta la prefissata meta, a crearne una nuova. La verità? Una sola! Quella vita mi stava bene, mi piaceva e poi il sud avrebbe potuto aspettare il mio rientro anche qualche mese in più, al massimo qualche anno.» Salvo era un ragazzo semplice e dai sani princìpi morali, venuto dal sud a Monac...