Cose Garibaldine: 1907

Anteprima:

Forse perchè era l'ultimo giorno di carnevale, aveva messo una cuffia nuova, i cui merletti candidi davano una dolce allegrezza alla sua faccia di nonna, cara a tante generazioni di scolari, passati per la Sapienza

di Pisa, sino agli ultimi che la videro morta nella

stanza della Misericordia in San Frediano, una notte

di quella primavera, che fu del 1865. Da quel banco

ascoltava i nostri discorsi sorridendo benevola, essa che aveva intesi quei del Guerrazzi, del Giusti, del MontaneUi giovinotti : sorrideva delle nostre th-ate al

carnevale, ai carri delle maschere, alla folla che non aveva badato a un povero fanciullo cencioso,

arrotato da un di quei carri. .

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giuseppe Cesare Abba

STORIA DEI MILLE

STORIA DEI MILLE di

La spedizione dei mille di Garibaldi alla conquista del meridione d'Italia. La storia scritta da un garibaldino che partecipò alla spedizione.Il testo è stato scritto con un carattere che facilita la lettura e minimizza la fatica per gli occhi.

Le rive della Bormida nel 1794

Le rive della Bormida nel 1794 di

Un affresco storico appassionante sullo sfondo della guerra napoleonica nelle Langhe Piemontesi.

Storia dei Mille

Storia dei Mille di

La spedizione dei Mille fu l'episodio cruciale del Risorgimento. Avvenne nel 1860 quando un migliaio di volontari, al comando di Giuseppe Garibaldi, partì nella notte tra il 5 e il 6 maggio da Quarto, nel territorio del Regno di Sardegna alla volta della Sicilia, nel Regno delle Due Sicilie.Questo libro di storia fedele fu pensato e scritto non soltanto per giovinetti, e tuttavia l’autore lasci...

Le rive della Bormida nel 1794

Le rive della Bormida nel 1794 di

Il romanzo più noto dello scrittore ligure Giuseppe Cesare Abba. Una storia d'amore ambientata ai tempi delle guerre napoleoniche in valle Bormida. Riferimenti reali e intreccio di grande fascino.Dall'incipit del libro:Chi si parte dalla marina del Finale, e su pel fianco dell'Appennino va verso le Langhe, si arresta trafelando ogni tratto a ripigliar lena, e a vedere quanta sarà ancora la sali...

Niccolò de Lapi, ovvero i Palleschi e i Piagnoni

Niccolò de Lapi, ovvero i Palleschi e i Piagnoni di

Dalla prefazione:Questo racconto che presento al pubblico non senza il batticuore dell'amor proprio in pericolo, fu incominciato nel 1833, e tralasciato cento volte per cagioni ora funeste ora fastidiose. Se egli serba le tracce di codesti disturbi, se per mio difetto rimane di tanto inferiore al suo tema, non per questo potrei senza ingratitudine dubitare del favore o dell'indulgenza almeno de...

Da Quarto al Volturno: Noterelle di uno dei Mille

Da Quarto al Volturno: Noterelle di uno dei Mille di

Un grande classico della letteratura risorgimentale italiana. La spedizione dei Mille raccontata da uno di loro. Un libro, le Noterelle, che rappresenta una delle più straordinarie ed efficaci testimonianze dirette che gli uomini del Risorgimento ci abbiano lasciato. Niente di più di un taccuino di appunti, una specie di bloc-notes redatto in tutta fretta nella iniziale stesura del poeta e comb...