Ricordi Garibaldini: 1913

Anteprima:

Qui, il 13 giugno del 1859, con la passione di dieci anni scoppiante dai cuori, l'aspettarono i bresciani che, poco prima, avevano visti passare

i soldati deirUrban, messi in fuga da Lui; di qui Garibaldi entrò, alla testa dei Cacciatori delle

Alpi, fatidico nome che doveva rivivere sulle due navi liberatrici salpate da Quarto coi Mille, e più tardi, e fin che vi saranno armi, nella fortissima nostra milizia alpina. Allora non la camicia rossa, non il poncho americano, non portava il cappello ungherese; non era come l'immaginazione lo rivede e l'arte lo rappresenta ;

Garibaldi indossava la divisa di generale dell'e-sercito sardo, quale lo vediamo talora in qualche vecchia litografìa, con uno strano stupore. Aveva

indossata quella divisa gloriosa, ma non fatta per lui ; l'aveva indossata perchè aveva compreso il suo tempo, si era rassegnato alle necessità, e

messi in disparte i suoi vecchi ideali, egli, generale della Repubblica Romana, aveva accettato un umile posto sotto re Vittorio, che nella grande

impresa cui Egli aveva consacrato la vita, gettava un erario, un esercito, un popolo forte, guerriero sicuro, forse la sua corona. Però, uomo da non

acconciarsi in tutto a quell'umile posto, appena varcato il Ticino si era riaffermato, avventandosi avanguardia cui nulla potè resistere, ed entrava

qui primo e vittorioso...

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giuseppe Cesare Abba

Le rive della Bormida nel 1794

Le rive della Bormida nel 1794 di

Le rive della Bormida nel 1794 Chi si parte dalla marina del Finale, e su pel fianco dell'Appennino va verso le Langhe, si arresta trafelando ogni tratto a ripigliar lena, e a vedere quanta sarà ancora la salita, e quanto s'è scostato da quella spiaggia, diversa giù giù per foci di torrenti, per iscogliere tagliate a filo, per promontori neri, dirupati, somiglianti a mostri, che si inoltrano ci...

Storia dei Mille

Storia dei Mille di

La "Storia dei Mille" di Giuseppe Cesare Abba è la vivida narrazione di un garibaldino che ha vissuto momento per momento tutta l’avventura fondamentale del Risorgimento: la spedizione dei Mille, da Quarto a Calatafimi, fino alla liberazione di Palermo.La scrittura è semplice, assolutamente comprensibile anche a oltre un secolo di distanza, e il linguaggio e la costruzione sono quelli del roman...

Da Quarto al Volturno

Da Quarto al Volturno di

Giuseppe Cesare Abba pubblicò le sue Noterelle nel 1880 e in seguito, anche grazie all'amicizia con Giosué Carducci (che le definiì "un piccolo capolavoro"), diede al testo la sua forma e il suo titolo definitivi: Da Quarto al Volturno. Alla vigilia della «grande impresa»  Da Quarto a Marsala  Da Marsala a Calatafimi  Da Calatafimi a Palermo  La battaglia di Palermo  Da Palermo a Milazzo  Da Mi...

Storia dei Mille

Storia dei Mille di

La spedizione dei Mille fu l'episodio cruciale del Risorgimento. Avvenne nel 1860 quando un migliaio di volontari, al comando di Giuseppe Garibaldi, partì nella notte tra il 5 e il 6 maggio da Quarto, nel territorio del Regno di Sardegna alla volta della Sicilia, nel Regno delle Due Sicilie.Questo libro di storia fedele fu pensato e scritto non soltanto per giovinetti, e tuttavia l’autore lasci...

Le rive della Bormida nel 1794

Le rive della Bormida nel 1794 di

Il romanzo più noto dello scrittore ligure Giuseppe Cesare Abba. Una storia d'amore ambientata ai tempi delle guerre napoleoniche in valle Bormida. Riferimenti reali e intreccio di grande fascino.Dall'incipit del libro:Chi si parte dalla marina del Finale, e su pel fianco dell'Appennino va verso le Langhe, si arresta trafelando ogni tratto a ripigliar lena, e a vedere quanta sarà ancora la sali...

Niccolò de Lapi, ovvero i Palleschi e i Piagnoni

Niccolò de Lapi, ovvero i Palleschi e i Piagnoni di

Dalla prefazione:Questo racconto che presento al pubblico non senza il batticuore dell'amor proprio in pericolo, fu incominciato nel 1833, e tralasciato cento volte per cagioni ora funeste ora fastidiose. Se egli serba le tracce di codesti disturbi, se per mio difetto rimane di tanto inferiore al suo tema, non per questo potrei senza ingratitudine dubitare del favore o dell'indulgenza almeno de...