Ricordi Garibaldini: 1913

Anteprima:

Qui, il 13 giugno del 1859, con la passione di dieci anni scoppiante dai cuori, l'aspettarono i bresciani che, poco prima, avevano visti passare
i soldati deirUrban, messi in fuga da Lui; di qui Garibaldi entrò, alla testa dei Cacciatori delle
Alpi, fatidico nome che doveva rivivere sulle due navi liberatrici salpate da Quarto coi Mille, e più tardi, e fin che vi saranno armi, nella fortissima nostra milizia alpina. Allora non la camicia rossa, non il poncho americano, non portava il cappello ungherese; non era come l'immaginazione lo rivede e l'arte lo rappresenta ;
Garibaldi indossava la divisa di generale dell'e-sercito sardo, quale lo vediamo talora in qualche vecchia litografìa, con uno strano stupore. Aveva
indossata quella divisa gloriosa, ma non fatta per lui ; l'aveva indossata perchè aveva compreso il suo tempo, si era rassegnato alle necessità, e
messi in disparte i suoi vecchi ideali, egli, generale della Repubblica Romana, aveva accettato un umile posto sotto re Vittorio, che nella grande
impresa cui Egli aveva consacrato la vita, gettava un erario, un esercito, un popolo forte, guerriero sicuro, forse la sua corona. Però, uomo da non
acconciarsi in tutto a quell'umile posto, appena varcato il Ticino si era riaffermato, avventandosi avanguardia cui nulla potè resistere, ed entrava
qui primo e vittorioso...

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giuseppe Cesare Abba

Storia dei Mille

Storia dei Mille di

La "Storia dei Mille" di Giuseppe Cesare Abba è la vivida narrazione di un garibaldino che ha vissuto momento per momento tutta l’avventura fondamentale del Risorgimento: la spedizione dei Mille, da Quarto a Calatafimi, fino alla liberazione di Palermo.La scrittura è semplice, assolutamente comprensibile anche a oltre un secolo di distanza, e il linguaggio e la costruzione sono quelli del roman...

Da Quarto al Volturno

Da Quarto al Volturno di

Annotando giorno per giorno i fatti dell'impresa dei Mille, Abba non vuole né esaltare né glorificare gli eroi che di quei fatti sono stati protagonisti; lo scrittore si abbandona al suo nativo gusto del narrare. Domina un clima di leggenda, una leggenda non fuori della vita, ma nella vita, qualcosa come la purezza dei miracoli negli scritti dei mistici trecenteschi, che sembrano cose d'ogni gi...

Cose vedute di Giuseppe Cesare Abba

Cose vedute di Giuseppe Cesare Abba di

Cose vedute di Giuseppe Cesare Abba

Cronache a memoria

Cronache a memoria di

Cronache a memoria, Giuseppe Cesare Abba (Cairo Montenotte, 6 ottobre 1838 – Brescia, 6 novembre 1910) 

Le rive della Bormida nel 1794

Le rive della Bormida nel 1794 di

Un affresco storico appassionante sullo sfondo della guerra napoleonica nelle Langhe Piemontesi.

Le rive della Bormida nel 1794

Le rive della Bormida nel 1794 di

Le rive della Bormida nel 1794 Chi si parte dalla marina del Finale, e su pel fianco dell'Appennino va verso le Langhe, si arresta trafelando ogni tratto a ripigliar lena, e a vedere quanta sarà ancora la salita, e quanto s'è scostato da quella spiaggia, diversa giù giù per foci di torrenti, per iscogliere tagliate a filo, per promontori neri, dirupati, somiglianti a mostri, che si inoltrano ci...