Il fiume di Eraclito

Compra su Amazon

Il fiume di Eraclito
Autore
Adriana Pedicini
Editore
Mnamon
Pubblicazione
12 aprile 2015
Categorie
Il fil rouge delle liriche che compongono la raccolta è il Weltshmertz (il soffrire universale) già cantato dai romantici: senza patetismo ma con intensa commozione.

Esso trae origine dalla consapevolezza del mistero che ci circonda, ma anche dall’impotenza di squarciare il velo della non-conoscenza. Da tale buio proviene l’angoscia esistenziale, schiacciata dalla volontà di indagare, di risolvere razionalmente gli interrogativi che ci opprimono. La risposta da taluni è ritenuta impossibile, altre volte una falsa soluzione è prospettata dal possesso dei beni terreni, mezzi per godersi la vita, eludendo il fine ultimo. E il tempo impietoso trascina i suoi passi e non concede tregua. Inseguendo le ombre di sogni impossibili e brancolando tra i tentacoli dei problemi sociali e individuali, l’uomo alla fine solamente si accorge che il suo percorso sta per volgere al termine e spesso capita che non abbia neppure la possibilità di avvedersene, fulminato sul sentiero della vita da avverso destino.

Vivere allora appare un atto imposto di cui pesa la scelta all’origine, sicuramente diversa se fosse stata concessa in una fantasiosa ipotesi la libertà di decidere se affacciarsi alla vita oppure no. E i macigni in cui il passo inciampa durante il cammino esistenziale sono tanti e diversi tra loro.

E alla fine ci attende l’abisso.

I tentativi prometeici di farla franca non sono concessi, nessuno può sfuggire al compito dell’ultima Parca.

(dalla prefazione dell'autrice)

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli