I tre moschettieri (Emozioni senza tempo)

Compra su Amazon

I tre moschettieri (Emozioni senza tempo)
Autore
Alexandre Dumas
Editore
Fermento
Pubblicazione
09/04/2015
Categorie
'I tre moschettieri' è uno dei romanzi più famosi di tutti i tempi. Pubblicato a puntate per il giornale 'Le Siècle' nel 1944, è romanzo di appendice che costituisce il prologo del 'Ciclo dei moschettieri' di Dumas padre. La storia racconta le avventure, alla corte di re Luigi XIII a Parigi, nella Francia del 1625, dei tre moschettieri della compagnia disposta a esercito personale del sovrano, Athos, Porthos e Aramis ai quali poi si aggiunge il celebre D'Artagnan, spadaccino diciottenne coraggioso e baldanzoso. Il quartetto combatterà contro le trame del Cardinale Richelieu e della sua più ingegnosa spia, Milady de Winter. L'enorme popolarità senza tempo dei protagonisti, lo stile spigliato e ironico, l'intreccio narrativo e l'evolversi delle loro vicende fa entrare a buon diritto 'I tre moschettieri' nella lista delle opere letterarie più influenti dell'epoca moderna, tanto che da esso sono tratti oltre venti film, musical e serie tv di animazione.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alexandre Dumas

Il Signore dei lupi (Controtempo)

Il Signore dei lupi (Controtempo) 1 di

Il giovane e ambizioso Thibault, dopo essere stato duramente punito per uno sgarro al suo signore, viene avvicinato nella foresta da un enorme lupo nero che gli offre un patto diabolico: quando vorrà fare del male a qualcuno basterà semplicemente desiderarlo, e una disgrazia si abbatterà sul malcapitato. In cambio, la prima volta, il giovane dovrà offrire al diavolo solo un capello, poi due, po...

Il Conte di Montecristo (eNewton Classici)

Il Conte di Montecristo (eNewton Classici) 1 di

L'appassionante vicenda di Edmond Dantès che, ingiustamente condannato e imprigionato, riesce a vendicarsi dei suoi nemici grazie al tesoro dell’abate Faria, conserva ancora oggi inalterato tutto il suo fascino, continuando a ispirare riduzioni cinematografiche e televisive (come quella che si è avvalsa della magistrale interpretazione di Gérard Depardieu). Pubblicato per la prima volta en feui...

La guerra delle donne

La guerra delle donne di

È il 1844 quando appare per la prima volta La guerra delle donne. Lo scenario è quello della Fronda, degli anni attorno al 1650, di una Francia in cui la regina, Anna d’Austria, e il suo ministro, il cardinale Mazzarino, devono fronteggiare la ribellione diffusa di una nobiltà che ha eletto a suo simbolo la principessa di Condé. Il lettore scoprirà da solo a quali intensità Dumas riesce a porta...

I tre moschettieri

I tre moschettieri di

I tre moschettieri (Les trois mousquetaires) è un romanzo d’appendice scritto dal francese Alexandre Dumas con la collaborazione di Auguste Maquet nel 1844 e pubblicato originariamente a puntate sul giornale Le Siècle. È uno dei romanzi più famosi e tradotti della letteratura francese e ha dato inizio ad una trilogia, che comprende Vent’anni dopo (1845) e Il visconte di Bragelonne (1850).I tre ...

I Bianchi e i Blu: Romanzo

I Bianchi e i Blu: Romanzo di

Da un maestro del romanzo storico d’appendice, I Bianchi e i Blu sono un’opera fluviale ambientata tra la Rivoluzione francese e il periodo napoleonico che, secondo le intenzioni di Dumas, doveva raccontare la storia recente della Francia mescolando fatti storici e inventati, personaggi noti e sconosciuti, e dare eguale importanza ai vincitori (i Blu, i rivoluzionari) e ai vinti (i Bianchi, i r...

Attacco alla Convenzione: I Bianchi e i Blu - Parte II

Attacco alla Convenzione: I Bianchi e i Blu - Parte II di

Parigi, ottobre 1795: il Terrore è passato e la società parigina vede affermarsi nuove tipologie sociali, gli incredibili e le meravigliose, giovani seguaci di un lusso ostentato e stravagante. La Convenzione termidoriana che si è insediata dopo la caduta di Robespierre è minacciata da un’insurrezione popolare legittimista. Sembra non esserci speranza per la neonata Repubblica, ma il giovane Na...