Un sogno gentile

“Avevo la sensazione che proprio quando mi stavo preparando ad affondare in una strada strana e senza uscita, ero stata salvata dalla bontà dell’essere umano, che lavora faticosamente nell’ingranaggio di questo mondo incerto”
Un giorno alla mensa aziendale, Matsuoka invece del solito sceglie di prendere il riso col curry. Un piccolo gesto che le cambierà l'esistenza: quel piatto è stato avvelenato da un collega in cerca di vendetta. Per quanto la giovane redattrice cerchi di tornare ai soliti ritmi, la sua vita è cambiata completamente da quel momento che ha riportato alla superficie insicurezze e ricordi dolorosi, che solo un sogno gentile può, forse, scacciare.
Pubblicato in “Ricordi di un vicolo cieco” (Feltrinelli 2006) con il titolo “Mammaa!”. Numero di caratteri: 79.010

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Banana Yoshimoto

Sangue e acqua

Sangue e acqua di

“L’unica cosa di cui ho paura è il passare del tempo, il ramo del salice accarezzato dal sole che un attimo dopo è scosso da un tifone, il ciliegio in fiore che perde tutti i suoi petali. L’avvicinarsi della notte, come un presagio di addio, sulla sua schiena nella stanza colpita dal sole al tramonto. È questa l’unica cosa davvero triste.” Chikako è fuggita dal villaggio-comunità in cui viveva ...

Strana storia sulla sponda del fiume

Strana storia sulla sponda del fiume di

“Ascoltavo continuamente il rumore del fiume. Sembrava che dicesse: io scorro sempre, senza fermarmi mai. Risuonava sonoro e costante, come una ninnananna capace di calmare l’inquietudine. Mentre mangiavo, mentre mi cambiavo, mentre dormivo, mentre prendevo il caffè nel sole del mattino, non riuscivo ad allontanare la mente dal rumore del fiume che scorreva. Avevo la sensazione di aver dimentic...

Oltre la finestra

Oltre la finestra di

“Quando aprii gli occhi, vidi la sagoma di un uomo tra le tende spesse che filtravano i raggi del sole e sobbalzai per lo spavento. Tra i pochi ricordi che avevo di lui, mi sembrava di averlo sempre visto in quella posizione, intento a guardare fuori dalla finestra. Mi piaceva da morire osservarlo così. Forse quella posizione non era del tutto estranea al mio essermi innamorata di lui in modo c...

Un'esperienza

Un'esperienza di

Da un po' di tempo Fumi fa lo stesso sogno. Sente una melodia, un canto, che assomiglia al rumore delle onde, alle risate delle persone che nella vita ha incontrato, conosciuto e visto andare via, alle loro parole piene di calore. Ma in quella voce ci sono anche i suoni di luoghi amati, lontani, scomparsi. Si dice che quando si sogna una melodia, qualcuno dall'aldilà stia cercando di comunicare...

Presagio triste

Presagio triste di

Cosa turba la serenità di Yayoi, diciannove anni, la vita apparentemente idilliaca della sua "famiglia felice della classe media che sembra uscita da un film di Spielberg", dove il giardino è ben curato, gli abiti perfettamente stirati, i fiori sempre freschi sul tavolo e i genitori comprensivi e sorridenti? Forse a minacciare l'equilibrio di Yayoi è una sensibilità paranormale che le fa percep...

La casa dei fantasmi

La casa dei fantasmi di

Un destino comune unisce la giovane Setchan a Iwakura. Sono entrambi destinati a ereditare gli esercizi dei loro genitori: un ristorante di cucina “occidentale” e un forno specializzato in roll cake. Ma se a lei poco interessa cosa la aspetti in futuro, per lui è una lotta costante contro le aspettative dei genitori. Finché le loro vite non prendono una piega inaspettata, quando nel nuovo app...