L'amore ai tempi del telefono fisso

Qual era la cosa più difficile da fare per un adolescente degli anni Ottanta? Sopravvivere alle spalline e ai paninari? Non farsi pestare dal teppista della scuola durante l’ora di educazione fisica? No: negli anni drammatici del telefono fisso la cosa più difficile del mondo era telefonare a una ragazza. All’altro capo della cornetta avrebbe potuto rispondere chiunque, la nonna sorda, il padre severo, il fratellino scemo, o peggio ancora la madre giovanile dalla voce molto simile a quella della figlia. Il suono degli scatti della rotella che girava componendo il numero era la colonna sonora dell’angoscia, della confusione mentale, della secchezza delle fauci.Partendo da questa drammatica prima fase del corteggiamento, seguiamo tutte le tappe della sua evoluzione negli anni: dai tempi degli sms ai tempi dei blog e di linguasvelta.splinder.it, dall’amore ai tempi di Facebook e dell’iPhone a quello del prossimo futuro. Dopo "Niente fiori per gli scrittori" e "Spargere il sale", il terzo volume dedicato all’introvabile narrativa breve di Gianluca Morozzi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Gianluca Morozzi

Altri uomini nell'alto castello (Guanda.bit)

Altri uomini nell'alto castello (Guanda.bit) di

Uno scrittore viene convocato a colloquio dall’editore per parlare del suo ultimo libro. Lo scrittore è preoccupato. Fino a quel momento ha osato molto (un noir ambientato in Lapponia, un romanzo di fantascienza con imperi stellari e dittatori alieni…), ma forse quest’ultimo azzardo non piacerà: showgirl, personaggi da reality show, stallieri, e poi la figura del Capo miliardario, quello delle ...

Il ghiaccio sottile (Guanda.bit)

Il ghiaccio sottile (Guanda.bit) di

Mezzanotte e un quarto. Tuo figlio sta volando nell’aria, sbalzato di sella. Cade e si schianta sull’asfalto, a dieci metri esatti dal suo motorino. In ospedale ti dicono che è in coma, forse non potrà più camminare. L’unica cosa che sai è che è stato investito da una Golf nera. E dentro di te si agitano confusi pensieri di vendetta, come mostri sotto il ghiaccio sottile che ricopre la superfic...

La danza dei ragni (Guanda.bit)

La danza dei ragni (Guanda.bit) di

«Ho detto di rilassarti, Marc» dice Chandra. «Sei rigido. Abbandonati.» Marc obbedisce, abbandona il corpo contro il corpo di lei. Lei dice: «Bravo, così. Lasciati guidare. Non devi fare assolutamente niente». Chandra appoggia le mani sulle spalle di Marc, lo attira dolcemente a sé. I Sigur Rós riempiono gli spazi di sottofondo. Marc è confuso. Dovrebbe essere una lezione di teatro, questa, ma ...

Quel cielo così bianco (Guanda.bit)

Quel cielo così bianco (Guanda.bit) di

Uno scrittore si innamora di una bella ragazza, scrittrice anche lei. Una mattina di giugno salgono su un aereo diretto ad Amsterdam, mano nella mano. Devono tenere un reading dei loro romanzi ma, da bravi turisti italiani, non vogliono perdersi la principale attrazione di Amsterdam. E si ritrovano strafatti… Così il reading sarà un evento memorabile, che cambierà per sempre e in modo imprevist...

Il chiodo (Guanda.bit)

Il chiodo (Guanda.bit) di

Basta una piccola caduta, da uno sgabello, mentre cerchi di appendere un chiodo. Un semplice colpo alla testa, ma è tutta una questione di angolazione e intensità. E quel colpo, quella botta, può sfondare una porta nel tuo cervello e permetterti di galleggiare nello spaziotempo… E allora anche un piccolo, insignificante chiodo può cambiare il corso della Storia.

L'eliminatore (Guanda.bit)

L'eliminatore (Guanda.bit) di

Una bella donna dai capelli rossi si aggira in una discoteca della Bassa bolognese. Non sta cercando un’avventura facile, sta cercando di rimediare a un torto, di mettere in atto una vendetta. Non la sua, ma quella di chi la paga per il suo lavoro. Perché lei è Viola Dolcos, killer professionista conosciuta nell’ambiente con il nome di «Eliminatore».