Vedersi vedersi: Modelli e circuiti visivi nell'opera di Paul Valéry (Biblioteca Einaudi Vol. 126)

Chi mi guarda dallo specchio mentre mi guardo allo specchio? Chi è quel signore che avanza l'inammissibile pretesa di essere me? Da tali interrogativi, Valéry prende le mosse per una ricerca che lo occuperà tutta la vita, nei versi, nelle prose e nelle migliaia di pagine dei suoi quaderni. Il tema dello sguardo si innerva infatti su una più vasta indagine circa le procedure della rappresentazione identitaria. Per affrontarla, e per ricostruire questa incessante domanda sullo statuto del soggetto, lo studio di Magrelli esamina tre modalità della visione, così come esse si configurano attraverso lo schermo del vetro, l'azione dello specchio e lo spazio del ritratto fotografico. In tal modo, seguendo la vertiginosa serie di variazioni cui è sottoposto il mito di Narciso e la nozione di «vedersi vedersi», l'opera dello scrittore francese, profondamente radicata nella psicofisiologia ottocentesca, giunge a rivelare sorprendenti aperture verso la filosofia e la psicanalisi, la neurobiologia e la cibernetica, la psicologia e la zoosemiotica cognitive, confermandosi come un punto di riferimento imprescindibile nel panorama novecentesco.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Valerio Magrelli

Millennium poetry: Viaggio sentimentale nella poesia italiana (Intersezioni)

Millennium poetry: Viaggio sentimentale nella poesia italiana (Intersezioni) di

"Vorrei che queste 39 voci avessero la funzione che in cucina hanno gli aperitivi, ovverosia gli starters: cibi per cominciare, per aprire lo stomaco, nella speranza che il resto venga poi".Chi non ha qualche verso prediletto? Nel confessare le sue preferenze, Magrelli suggerisce però un approccio particolare. Attento al multilinguismo e agli scambi fra culture, il suo lavoro presenta infatti s...

Nel condominio di carne (Einaudi. Stile libero Vol. 1146)

Nel condominio di carne (Einaudi. Stile libero Vol. 1146) di

In una prosa vibrante e straniata, Magrelli si racconta con sguardo a volte attonito, a volte sarcastico, lanciandosi in un appassionante viaggio nelle cavità e negli orifizi, tra sofisticati congegni medici e misteri ancestrali, là dove l'autobiografia si fa autobiologia, cronaca e clinica, memoria e referto. Condividendo una sensibilità diffusa, da Ballard a Cronenberg, da Barthes ai performe...