La violenza è gradita alla fanciulla: ginecoloquio

Mi sento marcia, azzannata nella mia preziosa intimità, a brandelli vedo stesa anche la mia anima.

Padre. Padre mio. Padre nostro...

Vado all’inizio del mio tempo, vado dove periscono i mondi. Quanto stupore. Tremo. Urlo.

Il suo coito mi attraversa.

Ora basta. Ora buio. Ora pace…

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo