Il gioco delle caste

Compra su Amazon

Il gioco delle caste
Autore
Giovanni Negri
Editore
EDIZIONI PIEMME
Pubblicazione
22 settembre 2015
Categorie
«Ora, questa notte, Angelo Maria Predieri l'aveva finalmente capito. Non c'è il bene, non c'è il male. C'è solo e soltanto il potere. Alcuni sono così forti da conquistarlo, altri troppo deboli per averlo.»

Cosa unisce l'On. Angelo M. Predieri, fondatore e leader dell'Estremo Centro, e il dottor Saverio Dioguardi, Procuratore della Repubblica di un'oscura provincia?
Cosa lega il potente cardinale Terenzio Magliano e Lavinia Salvi, nota giornalista di lungo corso?
Forse un disperato bisogno di apparire in un mondo nel quale, se non appari, semplicemente non sei. O forse una prepotente vocazione al comando, una voglia mai appagata di piegare le vite degli altri ai propri disegni. Sicuramente li accomuna una certezza. In un'Italia che si è fatta angusta, più povera, dove la coperta è più corta per tutti, solo i lupi con i denti affilati possono farcela. E solo il più feroce fra i lupi potrà vincere il gioco. Il Gioco delle Caste.

«Me lo sono letto e goduto pagina per pagina. Ne esce davvero un'House of cards sufficientemente italiana da essere in fondo una casa assai diversa da quella americana.»
Romano Prodi

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giovanni Negri

Il vigneto Da Vinci

Il vigneto Da Vinci di

Nella Milano che vive l'attesa febbrile dell'Expo, la scomparsa del professor Attilio Scienza, a sole due settimane dal suo discorso inaugurale della grande manifestazione, non è certo una buona notizia. Perciò al Viminale hanno subito pensato a lui: schivo, in perenne conflitto con i giornalisti che non ama, di poche chiacchiere e molti fatti, Cosulich è l'uomo che risolve i casi in tempi reco...

L'Illuminato: Vita e morte di Marco Pannella e dei radicali

L'Illuminato: Vita e morte di Marco Pannella e dei radicali di

Giovanni Negri è stato segretario del Partito radicale e parlamentare europeo, amico di Marco Pannella e, prima di tutto questo, un ragazzo di diciotto anni, figlio di genitori separati in un’Italia che non prevedeva il divorzio – e che da quel referendum storico fu convinto a gettarsi in politica accanto all’uomo incredibile che lo aveva promosso. Oggi, dopo la scomparsa del leader radicale, G...