La scomparsa dell'avvocato

Compra su Amazon

La scomparsa dell'avvocato
Autore
Francesco Piazza
Pubblicazione
7 giugno 2015
Categorie
I fratellastri Mangiapane - la cinquantenne Maria, nubile, e l'ultrasessantenne Antonino, conosciuto in paese come l'avvocato - vivono un'esistenza senza scosse.

A sconvolgere la loro vita, scatenando successivamente il dramma, è l'inatteso matrimonio di Maria, che passa improvvisamente da una sorta di monacale nubilato agli assorbenti piaceri del talamo.

Antonino, che convive nella casa paterna con gli sposi, diventa ben presto un fastidioso fardello che gli sposi vogliono escludere dalla casa e dal loro menage familiare.

Venuto casualmente a conoscenza delle intenzioni di Maria e di suo marito, Antonino pensa prima al suicidio, poi decide di scomparire, mentre gli sposi sono in viaggio di nozze in Egitto.

Tornata a Villanotte, la cittadina siciliana dell'interno dove si svolge la vicenda, Maria, dopo

qualche tentennamento decide infine di denunciare ai carabinieri la scomparsa del fratello.

Ad indagare è il capitano Spigariol, il quale, nonostante l'impegno profuso nelle investigazioni e l'indubbio acume che dimostra, non riesce a risolvere il mistero della scomparsa di Antonino Mangiapane (cui seguirà più tardi la morte di Maria). Apprenderà solamente molti anni dopo, quando ormai è un anziano colonnello in pensione, dalla lettura del romanzo "La scomparsa dell'avvocato" scritto dal giornalista Vincenzo Cavallaio, figlio del maresciallo che aveva a suo tempo collaborato alle indagini, ch'era stato vicinissimo alla soluzione.

Sullo sfondo della vicenda, ma anche nella vicenda,Villanotte e i villanottesi, che offrono molti spunti per una vera e propria indagine sociologica.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Francesco Piazza

FERDINANDO II DI BORBONE: Ritratto di un grande statista dall'indole bizzarra

FERDINANDO II DI BORBONE: Ritratto di un grande statista dall'indole bizzarra di

E' una biografia politica non tradizionale del Re delle Due Sicilie, calunniato in vita e ridotto ad un semplice "Re Bomba" dal giudizio storico, mentre fu un grande statista. La sua indole bizzarra gli fece commettere qualche errore,ma ciò non modifica una realtà incontrovertibile, cioè che fu il solo statista, grande statista, tra i sovrani italiani del suo tempo.

Un galantuomo, re per dovere: Francesco II, ultimo sovrano delle Due Sicilie

Un galantuomo, re per dovere: Francesco II, ultimo sovrano delle Due Sicilie di

La storiografia tradizionale è stata malmostosa nel rappresentare Francesco II come un incapace privo d'intelligenza e inadeguato a svolgere le funzioni di sovrano. La realtà è invece diversa: fu un uomo politicamente dotato, forte d'animo e mosso da un alto senso del dovere; pagò un conto salatissimo – la perdita del Regno – a causa della situazione eccezionalmente difficile in cui si trovò ad...