Mi gioco la testa

Compra su Amazon

Mi gioco la testa
Autore
Frédéric Dard
Editore
Edizioni E/O
Pubblicazione
22 aprile 2015
Categorie
Non so se siete mai andati ai mercati generali, a me è capitato una sola volta e posso assicurarvi che ne ho fin sopra la testa. A proposito di testa, that is the problem! Infatti, tutto credevo di trovarci, nel reparto macelleria, tranne che la zucca di un mio simile. Potete immaginare (anche se siete, immagino, a corto di immaginazione) lo stupore, la meraviglia, lo choc che ho provato e non solo io, ma anche il mio indegno compare Berù. Senza avere un’idea per la testa, senza sapere dove mettere le mani per trovare il resto dello sconosciuto, visto che lui non può avercela lasciata, dimenticandosela, come se si trattasse di un cappello, comincio nonostante tutto a riflettere. Quando credo che la lampadina si sia accesa a illuminare finalmente le mie cellule grigie, ecco che io cortocircuito, provocando un’esplosione in cui ci lascia la pelle una povera innocente. A questo punto, il sangue mi va alla testa. Voglio scoprire a ogni costo a chi appartiene quell’altra. Ebbene, voi non ci crederete, banda di lettori, ma l’avrò vinta anche stavolta… con l’inter

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Frédéric Dard

Facce da funerale

Facce da funerale di

Come se non bastassero tutte le rogne che mi ritrovo quotidianamente sul gobbo, adesso ci si mette pure quel balordo di un nipote di Bérurier, alias Berù junior, alias il pugile (suonato) di famiglia, a rompermi i santissimi! Volete sapere che cosa mi ha combinato il Cerdan dei poveri? Una bazzecola: si è sposato (sì, sì, lo so che spesso è un male inevitabile). Dunque, dicevo che Berù junior...

Sotto a chi tocca

Sotto a chi tocca di

Se dico Svizzera, scommetto che subito qualche frescone sbadiglia e comincia a pensare alle belle contadinotte con le tette in fiore, alle vacche da latte e cioccolato, agli chalet confidenziali come i cantanti di una volta. O magari qualche arpagone pensa agli gnomi di Zurigo, ai conti cifrati, alle manovre sotterranee dei bancari senz’anima… Be’, amici cari, la Svizzera, se permettete, è...

Il maccabeo errante: Le inchieste del commissario Sanantonio

Il maccabeo errante: Le inchieste del commissario Sanantonio di

Ragazzi, non vi dico che schifo m’ha fatto quel maccabeo stagionato, chiuso nel baule di una old bagnarola, old ma così old, che se non era di Matusalemme poco ci mancava! Il tapino se ne stava lì, buono buono, ripiegato in due. Sembrava un feto nel grembo materno! E, in fin dei conti, lo era: un feto di ossa ingiallite nel vasto grembo della madre di tutte le cose: la nostra signora Morte...

Un'estate con Sanà: Le inchieste del commissario Sanantonio

Un'estate con Sanà: Le inchieste del commissario Sanantonio di

Scoprite il mondo del Commissario Sanantonio della polizia di Parigi! In omaggio per i lettori, un estratto di tutte le avventure del poliziotto più rude, smargiasso e irresistibile della letteratura, riproposte dalle Edizioni E/O a quarant’anni di distanza dalla prima pubblicazione, nelle brillanti e vivaci traduzioni di Bruno Just Lazzari. «Tanto Simenon è ponderoso e minuzioso, altrettanto...

Baci, soldi e sganassoni: Le inchieste del commissario Sanantonio

Baci, soldi e sganassoni: Le inchieste del commissario Sanantonio di

Stavolta, il caso vuole che io entri nel mondo del delitto per il Palazzetto dello Sport. Il caso si chiama Téo Jules (nipote di Berù), il quale invece di darsi al ricamo, si è dato alla boxe… e vince anche. Il fatto non mi sorprende, se ne vedono e se ne sentono di tutti i colori, a questo mondo. Ciò che mi sorprende, invece, è il suicidio di Mario Josephini, il famoso manager della boxe....

Sanà alla creta: Le inchieste del commissario Sanantonio: 120

Sanà alla creta: Le inchieste del commissario Sanantonio: 120 di

Voi tutti conoscete l'espressione «avere un piede nella fossa», no? Be', io invece ve ne voglio insegnare un'altra più spiritosa: «avere due piedi nella bara!». E, credetemi, il fatto di avere entrambe le fette in una cassa da morto è una situazione decisamente più drammatica. Ve lo garantisce uno che l'ha sperimentato in carne, ossa e... gesso ortopedico! Brrr! Non fatemici neanche ripensare,...