I misteri delle soffitte e altri romanzi

Compra su Amazon

I misteri delle soffitte e altri romanzi
Autore
Carolina Invernizio
Editore
Nilalienum Edizioni
Pubblicazione
30/03/2015
Categorie
Scrittrice di romanzi d’appendice ricchi di trame intricate, Carolina Invernizio esplora i sentimenti, i gusti e le aspirazioni di un’epoca e del suo popolo: quello della fine dell’Ottocento italiano. La Invernizio soddisfa e ne asseconda la curiosità per i crimini, i sacrifici e i drammi familiari, utilizzando senza remore la logica degli opposti propria della cultura popolare: il bianco e il nero, i buoni e i cattivi.
L’“onesta gallina della letteratura italiana”, come l’ha definita Antonio Gramsci, ci restituisce una società caratterizzata da un orientamento predatorio delle classi abbienti nei confronti di quelle popolari e da un’aspirazione spasmodica di queste ultime all’ascesa sociale.
I vizi privati raccontati dalla Invernizio dissacrano il mito della famiglia borghese, le cui losche azioni alimentano la tendenza di uomini senza scrupoli a sfruttarle a proprio vantaggio. Ne derivano aspri conflitti, soprattutto di natura patrimoniale: è il denaro – questo feticcio che nel corso dell’Ottocento diventa il primum movens dei comportamenti umani – a porsi come causa di delitti di ogni genere.
Alcune opere della Invernizio appartengono a pieno titolo al genere “giallo”. All’epoca si contano pochi romanzi italiani riconducibili a tale genere e “I misteri delle soffitte” è senza dubbio tra questi.
Oltre a “I misteri delle soffitte” la raccolta comprende “Il bacio d’una morta”, “Le avvelenatrici”, “Odio di donna”, “Lara l’avventuriera” e “Il cadavere accusatore”.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carolina Invernizio

Il bacio di una morta

Il bacio di una morta di

Amore, gelosia, lacrime, delitto, colpi di scena. Il palpitante racconto della storia di Clara Vergani, del conte Guido Rambaldi, suo marito, dell'ammaliante ballerina Nara e del candido Alfonso.

Peccatrice moderna (Classici della letteratura e narrativa senza tempo)

Peccatrice moderna (Classici della letteratura e narrativa senza tempo) di

Sultana, la protagonista di questo romanzo, è tremendamente voluttuosa, capricciosa, crudele e deliziosamente perfida. È la storia del duello tra una creatura indegna, Sultana e Anna Maria rappresentante dei valori della fedeltà affettiva e della virtù domestica. Evidente è l'ambiguità del nuovo universo femminile nel quale si svolge una vicenda che vede le due protagoniste usare entrambe le ar...

Il bacio di una morta (Fuori dal coro)

Il bacio di una morta (Fuori dal coro) di

Carolina Invernizio scrisse più di cento romanzi e tra questi Il bacio di una morta occupa un posto prevalente. La Invernizio fu protagonista del romanzo "d'appendice" diventandone maestra indiscussa per la sua capacità di avvolgere i lettori negli intrecci, spesso torbidi e morbosi, che venivano narrati e che rappresentavano la prosecuzione narrativa della parte giornalistica di fatti di crona...

Vergine abissina

Vergine abissina di

Un breve ed appassionante racconto sul tormentato amore tra una fanciulla abissina e un giovane ufficiale italiano all’epoca della conquista di quella che diventerà l’Africa Orientale Italiana. Pur privilegiando l’aspetto sentimentale, l’Autrice non si lascia sfuggire l’occasione di una non tanto velata critica alla guerra coloniale e all’inevitabile razzismo. Tra le righe traspaiono i sentimen...

Il bacio ideale

Il bacio ideale di

Chi è il marchese di Randal? E chi è Fred Black? Due enigmatici personaggi che si assomigliano, le cui identità si confondono e le cui gesta si sovrappongono in un turbinio di raggiri destinati a sconvolgere le vite delle vittime: l’angelica Adriana, che incantata dal fascino perverso non si avvede del vero amore pur avendolo accanto, e la dolcissima Memì, travolta dai rimpianti e dai sensi di ...

I misteri delle soffitte

I misteri delle soffitte di

Era la notte del giovedì grasso. Nessuno si ricordava di un inverno mite come quello, e il carnevale aveva uno sfogo inusitato. I ricchi se la spassavano nei palazzi; il popolo nelle osterie, sotto i portici, alla fiera, ai balli pubblici. I veglioni erano affollati e, come il solito, più di tutti si mostrava animato quello dello Scribe. Fra le maschere che avevano fatto il loro ingresso colà d...