In un giorno di pioggia

“A Los Angeles, California, città degli angeli caduti, la pioggia è un brutto presagio. Cose strane, cose maledette dilagano a Los Angeles, California, quando il cielo si oscura. Non si sorprende più di tanto, quindi, il detective privato senza nome chiamato a chiarire quella brutta faccenda di relazioni infami, tradimenti incrociati e omicidi facili: in fondo, sta accadendo tutto in un giorno di pioggia.
Prima pietra in assoluto del monumentale arco narrativo di Raymond Chandler, l’Autore-leggenda ancora oggi profeta indiscusso dei generi hard-boiled e noir, In un giorno di pioggia è il racconto che dà inizio a tutto, letteralmente. Pubblicato nel 1935 su “Black Mask”, rivista culto della narrativa mystery americana, divenuto poi il titolo della prima raccolta di racconti di Raymond Chandler, Killer in the Rain, titolo originale, si rivela come vero e proprio compendio di personaggi, tematiche e atmosfere destinate a diventare i centri di gravità dell’intera epopea narrativa chandleriana. Dal segugio determinato ed esistenzialista, cavaliere in armatura di flanella grigia che comunque non cede al cinismo, alle femmes fatales la cui etica brucia nel falò della sensualità manipolatoria. Dai gangster lingua sciolta e grilletto facile ai poliziotti certamente duri ma tutt’altro che puri, fin troppo proni a lasciare che sia qualcun altro ad accollarsi il lavoro sporco.

In un giorno di pioggia è tutto questo, certo, ma è anche e soprattutto la cartina di tornasole di quella cannibalization, nella definizione dello stesso Chandler, operata dall’Autore come radice di nuove storie, più grandi e più complesse. A tutti gli effetti, In un giorno di pioggia è la genesi proprio di quel capolavoro chiamato Il grande sonno.” (Alan D. Altieri)

Tratto da “L’uomo a cui piacevano i cani”, pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri: 91.473

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Raymond Chandler

Le perle sono una seccatura

Le perle sono una seccatura di

“L'ultima cosa della quale Walter Gage, private eye della città degli angeli, vorrebbe occuparsi in quel momento sono... le perle. Difatti: quarantanove perle scomparse dall'enorme villa di una donna enormemente ricca, con ovvia richiesta di estorsione a stretto giro. Peggio ancora, dietro l?estorsione sembra esserci tale Henry Eichelberger, sedicente ex-chauffeur che fa sembrare King-Kong un f...

La donna nel lago (Zoom)

La donna nel lago (Zoom) di

John Dalmas, investigatore dietro al quale si intravede il leggendario Philip Marlowe, si ritrova l'ennesima gatta da pelare quando accetta un nuovo incarico: la moglie di un facoltoso dirigente d'industria, con tendenze da cleptomane, è scomparsa. Ha lasciato solo un biglietto: fuggo in Messico per sposarmi. Peccato che il suo amante sia in città, morto, il sangue ancora caldo che gli gocciola...

I ricattatori non sparano

I ricattatori non sparano di

I ricattatori non dovrebbero sparare, è uno dei pochi benefici del mestiere. Ma quando l’attricetta vittima designata viene rapita prima che possa cedere all’estersione, Mallory deve mettere da parte le lettere compromettenti e recuperare una colt, se vuole riuscire a salvare entrambi dall’impaccio. Tra poliziotti corrotti, gangster innamorati, documenti contraffatti e false identità, la polver...

Vento rosso (Universale economica. Noir)

Vento rosso (Universale economica. Noir) di

Nel genere noir c'è un prima e un dopo Raymond Chandler. O, per meglio dire, non ci sarebbe il noir senza Raymond Chandler, indiscusso “fondatore” del genere. Il suo mondo di pistole, sigarette, bar fumosi, marciapiedi umidi di pioggia, dark lady e duri con l'impermeabile si è impresso per sempre nella memoria collettiva. Rafforzato da una scrittura secca, potente come una fucilata, attenta com...