Un mistero occitano

Guardia Piemontese è una comunità di poche anime sul Tirreno cosentino. Un feroce delitto tiene la gente nel terrore, si verificano strani episodi che fanno pensare a un rituale. Un suicidio, la sparizione di un antico libro, la comparsa di oggetti dai mille significati, strofe e versi inquietanti. Il capo della Mobile napoletana Gabriele Abruzzese si sta curando la rinite alle Terme Luigiane ed è costretto a intervenire. Nessuno ci capisce niente, tanto meno un Pubblico Ministero che non ha esperienza di omicidi. La raccapricciante serie nera continua a Napoli, ex capitale dell’ex Viceregno, dove d'improvviso riaffiorano i fantasmi del passato. Mentre tutti sono convinti che i delitti abbiano autori diversi, il commissario Abruzzese sospetta una matrice comune...

Finalista del Premio Scerbanenco per il miglior giallo italiano, Un mistero occitano è stato il romanzo più votato dalla giuria dei lettori. Ha anche vinto il Premio Città di Guardia, Città di Pace.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Massimo Siviero

Scorciatoia per la morte

Scorciatoia per la morte di Massimo Siviero Tullio Pironti

Il commissario Ercole Basile, dopo tre anni alla Mobile di Milano, è tornato a Napoli perché ha un conto aperto con la città. Tante sono le preoccupazioni che lo tormentano, a cominciare da un matrimonio che, complice la parentesi milanese, è naufragato, insieme al rammarico di non essere riuscito a riportare sicurezza nella bella Partenope. Non è mai stato un pistolero, sa bene che nel suo ...