Le piste dell'attentato: Disegni di Gianni Materazzo - Prefazione di Francesco Guccini

La prima avventura del capostipite degli investigatori del giallo italiano moderno scritta da un maestro del genere e rivissuta in fumetto attraverso il tratto felice di Gianni Materazzo. Un’edizione per collezionisti completa di una cronologia del personaggio Sarti Antonio e una corposa prefazione inedita di Francesco Guccini.
CONTENUTI
• Il fumetto che eccita la fantasia (di Francesco Guccini)
• Io Sarti Antonio sergente a fumetto (di Loriano Macchiavelli)
• Sarti Antonio gang bang (di Gianni Materazzo)
• L'intero fumetto originale di Gianni Materazzo
LA STORIA
A Bologna, alla metà anni Settanta, un attentato alla stazione radio dell'Esercito uccide quattro soldati. Poco dopo, tre uomini forzano in auto un posto di blocco. Il sergente Sarti Antonio li tallona e li arresta. Il caso appare a tutti risolto, ma Sarti non è tipo da accettare soluzioni facili.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Loriano Macchiavelli

Coscienza sporca

Coscienza sporca di Loriano Macchiavelli MONDADORI

Sono gli ultimi giorni di agosto in una Bologna afosa e soffocante quando viene scoperto l'omicidio del professor Giangiacomo Sacente, pugnalato nella sua abitazione. Curiosamente, l'appartamento è lo stesso nel quale, nel 1902, venne ucciso nello stesso giorno e nello stesso modo il conte Francesco Bonmartini: il famoso "caso Murri", il delitto eccellente che scosse l'Italia umbertina. Sarti ...

Un triangolo a quattro lati

Un triangolo a quattro lati di Loriano Macchiavelli MONDADORI

Bolero Ranuzzi lascia l'insegnamento universitario per trasferirsi nello sperduto paesino sull'Appennino da cui provenivano i suoi genitori, partigiani. Il padre, fedele di Togliatti, era scomparso misteriosamente negli anni Sessanta e forse lo scopo di Ranuzzi è scoprire cosa gli fosse successo. Ma al suo arrivo la vita del paese viene sconvolta: due morti ammazzati nel giro di pochi giorni, ...

Noi che gridammo al vento (Einaudi. Stile libero big)

Noi che gridammo al vento (Einaudi. Stile libero big) di Loriano Macchiavelli EINAUDI

Aprile 1980. Stella lascia Basilea, dove lavora all'Università, e parte all'improvviso per Piana degli Albanesi, in provincia di Palermo. Appena arrivata, fa amicizia con Eva, Ditria e Vito. Ma forse non è la prima volta che li incontra. Forse doveva tornare in quella terra per scoprire l'origine degli incubi che la tormentano. Anche George, 'u miricanu , arriva a Palermo dagli Stati ...

Sarti Antonio fra gente perbene - vol. I: Racconti

Sarti Antonio fra gente perbene - vol. I: Racconti di Loriano Macchiavelli MONDADORI

Dopo trent'anni di attività narrativa coronata da ampio successo di critica e pubblico, Loriano Macchiavelli si può considerare il "padre vivente" del giallo italiano, punto di riferimento per le nuove generazioni di scrittori ormai assurto al ruolo di "classico". Il personaggio-chiave della sua produzione è il sergente Sarti Antonio, antieroe umanissimo, dotato di straordinaria memoria ma ...

Sarti Antonio e il malato immaginario: con tavole di Magnus

Sarti Antonio e il malato immaginario: con tavole di Magnus di Loriano Macchiavelli Dario Flaccovio Editore

Bologna. C’è qualcosa che non torna nei conti della Saub: ammanchi, soldi che finiscono nelle tasche sbagliate. Uno scandalo che qualcuno vorrebbe soffocare. E c’è un ragazzo assassinato, Luca Pomelli Parmeggiani, il figlio di un barone della medicina. Sarti Antonio annaspa in un’indagine difficile, dagli esiti tutt’altro che chiari. Con lui, i partner di sempre: Felice Cantoni e l’infaticabile...

Ombre sotto i portici (Einaudi. Stile libero Vol. 1070)

Ombre sotto i portici (Einaudi. Stile libero Vol. 1070) di Loriano Macchiavelli EINAUDI

Bologna, metà degli anni Settanta. Sarti Antonio, sergente, vede quattro extraparlamentari che entrano di nascosto nel palazzo che ospitava uno dei più rinomati casini della città. Il giorno dopo, la signora Imelda Scampini, la vecchia tenutaria del bordello, viene trovata cadavere. Fin troppo facile collegare tra loro i due episodi. Ma perché quattro extraparlamentari dovrebbero uccidere una ...