Pista nera (La memoria)

Un vicequestore nato e cresciuto a Trastevere, che odia lo sci, le montagne, la neve e il freddo viene trasferito ad Aosta. Rocco Schiavone ha combinato qualcosa di grosso per meritare un esilio come questo. È un poliziotto corrotto, ama la bella vita. È violento, sarcastico nel senso più romanesco di esserlo, saccente, infedele, maleducato con le donne, cinico con tutto e chiunque, e odia il suo lavoro. Però ha talento.
Una rilettura della tradizione del giallo all’italiana, capace di coniugare lo sguardo dolente del neorealismo e la risata sfrontata di una commedia di avanspettacolo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Antonio Manzini

Non è stagione

Non è stagione di

Dopo Pista nera e La costola di Adamo ritorna il vicequestore Rocco Schiavone. Torna il racconto dell’Italia di oggi dalle quattro pareti di una questura di montagna. Tra nordici e meridionali, cittadini e paesani, vittime e carnefici. Una rilettura della tradizione del giallo all’italiana, capace di coniugare crimine e passione, lo sguardo più dolente e la risata più sfrontata.

Le ferie di Agosto

Le ferie di Agosto di

Il vicequestore Rocco Schiavone gioca un po’ sporco, come al solito, per scovare i colpevoli di una rapina in banca che per poco non si trasforma in una strage. È Ferragosto ed è ancora a Roma in attesa del forzato trascloco. Un tassello per ricostruire l’antefatto di un personaggio oggi molto amato dai lettori. Il racconto 'Le ferie di agosto' (49 pagine) è tratto dall'antologia 'Ferragosto i...

Rien ne va plus (Il vicequestore Rocco Schiavone Vol. 12)

Rien ne va plus (Il vicequestore Rocco Schiavone Vol. 12) di

Il nuovo capitolo del grande Romanzo di Rocco Schiavone prende il via poche ore dopo gli eventi che concludono il precedente romanzo, Fate il vostro gioco; le indagini sull’omicidio di Romano Favre si sono concluse con l’arresto del colpevole, ma il movente è rimasto oscuro. Il vicequestore non può accontentarsi di una verità a metà. E intanto Enzo Baiocchi, l’assassino di Adele, la vecchia ami...

L'anello mancante (Il vicequestore Rocco Schiavone)

L'anello mancante (Il vicequestore Rocco Schiavone) di

Per la prima volta insieme questi racconti, già apparsi in varie antologie a tema, ci restituiscono un ritratto del vicequestore Rocco Schiavone. Sono cinque tessere che contribuiscono a definire il personaggio per chi già lo conosce e servono come una presentazione per chi non l’ha mai letto: un poliziotto scontroso, trasgressivo, ruvido, spesso ai limiti della brutalità, conosce però il cuore...

Ogni riferimento è puramente casuale

Ogni riferimento è puramente casuale di

Antonio Manzini ritorna, dopo Sull’orlo del precipizio, alla satira del mondo della comunicazione e dell’editoria. Ironia spietata nel dipingere una realtà che a tratti diventa amara e squallida, oppure davvero spassosa. Dal rito delle presentazioni, alle campagne comunicative, dall’ossessione della prima pagina, alla ricerca della benevolenza del critico, dalla concorrenza tra editori, alle ab...

Rocco va in vacanza (Il vicequestore Rocco Schiavone)

Rocco va in vacanza (Il vicequestore Rocco Schiavone) di

Rocco Schiavone, il triste tenebroso di Antonio Manzini, scopre un piccolo ributtante intrigo sul volo per le vacanze e rischia di provocare, con l’aria che tira, un grosso guaio. Il racconto 'Rocco va in vacanza' (38 pagine) è tratto dall'antologia 'Vacanze in giallo' (Sellerio 2014).