La vita è dura nei dettagli

Compra su Amazon

La vita è dura nei dettagli
Autore
Roberto Bonfanti
Categorie
 Gialli e Thriller
Pubblicazione
21 dicembre 2013
Valutazione
(2)
La vita spesso ci appare colma di difficoltà, non solo nei drammi e negli eventi traumatici che ci cambiano l’esistenza, ma anche nei piccoli gesti quotidiani, nello scorrere apparentemente invariabile dei giorni comuni.

La vicenda ruota intorno a uno studio grafico, alle persone che ci lavorano e ad altre figure secondarie, si concentra in uno spazio di tempo di circa due settimane. La narrazione è in prima persona e principalmente al presente, si articola in sette capitoli, ognuno affidato a un personaggio diverso.

Di cosa parla in realtà il romanzo? Non certamente di delitto e castigo. Non può neanche essere considerato un “noir”. Questa è solo la cornice. Parla di cambiamento.

Nella vita di tutti i protagonisti del romanzo ci sono degli avvenimenti e delle situazioni che ne condizionano o ne hanno condizionato l’esistenza.

Alcuni affrontano i loro dèmoni e ne escono tutto sommato vincitori, altri non ci riescono

C’è una sorta di “happy ending” solo per Stefania e Claudio, a premiare la loro evoluzione.

È un lieto fine sicuramente relativo, rimangono fra loro molti punti oscuri, molto “non detto”, ma in fondo questo è più verosimile di una perfetta quadratura del cerchio, cosa assai rara nella realtà.

Le vicende narrate in questo romanzo proseguono nel sequel: Cose che si rompono.





Nota:

Al fine di garantire la massima qualità dei miei libri/ebook aggiornerò le edizioni online, anche sulla base delle segnalazioni di eventuali refusi da parte dei lettori.

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Per caso... i dettagli fanno la differenza...Ginestri Massimo

Per Caso capita di intrecciare la propria vita con quella degli altri, nei miei libri la vita di ognuno di noi è come un cerchio che si forma, ruotando il culo di una bottiglia bagnato su un tavolino in plastica, mentre i pensieri scorrono. I cerchi si intersecano, come le nostre vite, spesso una volta sola e via, una toccata e fuga e a volte si rincrociano a distanza di anni. Capita così di incrociare un'altra vita e di incappare in uno "scambio" e leggere i racconti e i romanzi di altri che come me, si sono inoltrati in un mondo, quello della scrittura, che apre le porte su universi infiniti, a volte strani, fantastici, altre volte così reali e drammatici da farti fermare a riflettere e pensare, su quello che la scrittura da e la scrittura prende. Così mi è "capitato" (ma forse,nulla capita mai per caso) di leggere uno dei libri di Roberto Bonfanti. "La vita è dura nei dettagli"... Alle prime pagine, l'ingresso nella vita dei personaggi risulta appesantito dai loro drammi, vite che giorno per giorno si aprono sull'esistenza, così semplice e così altrettanto complicata. Ci si sente spaventati e confusi dai dettagli così drammaticamente veri, proprio come le vite di ognuno di noi. Ma la bellezza di un libro la si apprezza leggendolo; è così che giorno dopo giorno, le vite si intrecciano e i fili si dipanano, ricamando una storia tanto vera quanto paradossalmente reale. E così, tra i sogni che offuscano la realtà e le date che scandiscono il passare del tempo, tra personaggi onirici e spesso paranoici, ma così maledettamente reali, tra i riflessi negli specchi e i liberatori viaggi in motocicletta (Bonnie), la storia, breve (volutamente), ma intensa, racconta la fine tragicità di situazioni, cosi maledettamente vere, stra-maledettamente vere, della vita che ognuno di noi vive o ha, in parte, vissuto. In effetti, ci sentiamo tutti attori, tutti protagonisti o partecipi di una storia, come se la nostra vita fosse unica ed in verità lo è certamente. Per essere protagonisti di una storia però bisogna saperla raccontare, Roberto ci riesce bene, anzi benissimo e ci rende partecipi a tal punto da farci pensare che ognuno di noi potrebbe essere uno di quei personaggi. Un linguaggio semplice, ma strutturato, che si muove a scatti, impercettibili, un click dopo l'altro, come fotogrammi di un film che avanzano a volte lenti a volte veloci, tra le sapienti mani e visioni di un regista. La storia è destrutturata, frastagliata, volutamente, un espediente che spinge il lettore a continuare a leggere per mettere insieme tutti quei dettagli che rendono la vita dura ma degna di essere vissuta.. La trama, non ve la racconto, altrimenti vi "brucio"la sorpresa di un finale che, personalmente, mi ha alleggerito un po' dai pensieri della quotidianità. Semplice nella sua complessità, godibile nel lessico e nel costrutto, un libro che vi consiglio, un libro che vi coinvolgerà e che sono sicuro vi farà amare Bonnie più di ogni altra cosa, perchè in tutta la durezza di una vita fatta di dettagli, "lei" vi porterà fuori dai pensieri, fuori dal mondo, tra salite e discese, seguendo le curve di una strada che in fondo è la vita di tutti i giorni, la mia, la tua, la vostra. Massimo Ginestri Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

La vita è dura nei dettagli: assolutamente da leggereMassimiliano Riccardi

Avete presente un metronomo? L' inesorabile marcatura del tempo prima di un esercizio al pianoforte? Leggendo la prosa di Roberto ho avuto l'impressione di trovarmi di fronte a un opera dove tutto inizia con l'orchestra che accorda gli strumenti, note dei singoli strumenti che lanciano accordi in maniera apparentemente casuale, sincopata. Preparatoria. Scrittura necessariamente lenta, minimalista, trascinante. Poco a poco, il lavoro di costruzione della frase musicale esplode. La narrazione è ritmata da date, visioni oniriche, immagini, flashback. Ipnotica, assolutamente ipnotica. Devi proseguire nella lettura, l'autore ti trascina, volente o nolente. Lo stile di Roberto è originalissimo. Incalzante. La vicenda incomincia a dipanarsi attraverso la visione di ogni singolo personaggio. Piccole vicende, sprazzi di riflessioni sul contingente. Sogni. Dettagli. Dettagli della vita dei protagonisti, inconsapevolmente incastrati in una vicenda più grande. Difficile raccontare il libro con la paura di svelare troppe cose. Il romanzo è un crescendo. Profondo. Profondo come può esserlo solo lo sguardo di un osservatore che coglie i particolari e le sfumature delle vicende umane. Sorprendentemente vi troverete per le mani un noir inconsueto, assimilabile ai romanzi di formazione. La storia è già nel titolo. Molto emozionante. Mi sono goduto ogni singola riga. Consiglio a tutti questa esperienza di lettura. Continua…

Piace a 1 persona

Registrati o accedi per rispondere.

Altri libri di Roberto Bonfanti

Cose che si rompono

Cose che si rompono di

Un anno dopo le vicende de "La vita è dura nei dettagli" ritroviamo gli stessi personaggi, prima fra tutti Bonnie, la moto amata da Claudio, il protagonista. Le azioni compiute nel passato tornano a influenzare la vita quotidiana delle persone che gravitano intorno allo studio grafico. Alcuni segreti vengono svelati, c'è chi prende decisioni importanti e chi non vuole compiere di nuovo gli...

Tutto e niente

Tutto e niente di

“Quando non hai niente non hai niente da perdere, sei invisibile adesso, non hai segreti da nascondere.” Bob Dylan, Like a rolling stone “Quando hai tutto hai tutto da perdere, lei si è costruita un letto di chiodi e sta pensando di utilizzarlo.” Ben Harper, Diamonds on the inside Racconti scritti nel periodo 1988 - 1994

Sogni 2010

Sogni 2010 di

Dopo aver fatto un paio di sogni straordinariamente vividi e particolareggiati ho cominciato a trascriverli. L’ho fatto per tutto l’anno 2010. Nota: Al fine di garantire la massima qualità dei miei libri/ebook aggiornerò le edizioni online, anche sulla base delle segnalazioni di eventuali refusi da parte dei lettori.

Come un granello di sabbia e altre storie

Come un granello di sabbia e altre storie di

Racconti del periodo 1990-2002 "Era bello stare sulla spiaggia a non fare niente, a tenerci per mano e a raccontarci la nostra infanzia e tutto quello che ci passava per la mente. Era bello, e quella felicità mi appagava, senza che dovessi fare progetti, pensare al futuro, mi sentivo come un granello di quella sabbia addormentata, vivevo il presente, e mi sembrava che non ci fosse gioia...