Scandalo al sole dell'estate greca

Questa è la storia di due adolescenti e un amore appena sbocciato, come i loro corpi. È la storia semplice di due ragazzi, delle loro prime illusioni e dei loro sogni, la poesia dei loro sentimenti, delle loro inquietudini, delle loro speranze, delle loro pene e la scoperta del loro primo peccato. È la storia di un amore povero, impossibile e irrealizzabile, vissuto con intensità e finito in modo drammatico, sullo sfondo dei primi anni cinquanta, quando l'Italia cominciava a muovere i primi passi, dopo la grande sventura della Seconda Guerra Mondiale. Il racconto naviga sempre tra l'ironìa e la malinconìa delle stagioni ormai finite. La vicenda s'intreccia con altre storie, ugualmente sventurate e povere, finite in modo ancora più tragico, vissute nella medesima cittadina, dove regnavano da tempo, alcuni pregiudizi e credenze, impossibili da estirpare dalla mentalità di molte ragazze. È il ritratto fedele di una cittadina del sud, prigioniera dei vizi e delle colpe del suo tempo, dei misteri e degli amori impossibili e clandestini dei suoi abitanti, le tentazioni e i loro peccati inconfessabili, e nasconderli nella misteriosa stanza dell'oblìo. Uno spaccato di vita sfrontato e scandaloso: "Il sesso tabù, l'amore ideale delle ragazze adolescenti, le paure per nascondere la loro vergogna davanti all'opinione pubblica arretrata e arcaica di tutta la collettività, lo strazio e il dolore disperato di fronte alla tragedia della morte." È un vero "SCANDALO AL SOLE DELL'ESTATE GRECA." La storia di adolescenti alle loro prime esperienze, i loro desideri, i sogni e la purezza dell'amore nell'incanto della Natura, sporcata dalla magìa dei ciarlatani, dalle credenze e dalla superstizione. L'Autore e protagonista, in questo racconto, ha voluto ricordare una fanciulla e sua compagna dei loro anni più belli, una ragazza dal volto solare, dai folti e lunghi capelli e che aveva gli occhi celesti, per rispettare una promessa d'amore. Anch'ella visse la sua bellissima e meravigliosa estate greca della sua vita, con tutte le paure del peccato e con il sogno infranto del suo primo ed unico grande amore. Una "LOVE STORY" povera all'italiana, una storia dei ragazzi degli anni Cinquanta. Una storia d'amore avvincente e commovente, per far rivivere lo struggente ricordo della sua dolce e indimenticabile NAUSICAA. Una storia emozionante e intensa, misteriosa e oscura fino all'ultima pagina, senza mai un attimo di respiro, come in un vero e grande triller. Anche le altre storie, che fanno da cornice alla storia principale, vivono la loro vicenda, umana e terrena, tra gli ostacoli dei genitori dalla secolare mentalità arcaica e quelle arcane del destino, ed hanno il loro epilogo con una drammatica e tragica conclusione. Tutti i protagonisti del romanzo, tranne uno, vanno incontro all'appuntamento con la morte, non per mano di un assassino, ma sopraffatti e vinti dalle artigliose mani del destino crudele. Tutte le storie camminano pericolosamente sul filo scabroso del funambolo, sempre in bilico tra la poesia romantica e i sogni, la magìa e la superstizione, la fantasia e la realtà, l'amore, lo scandalo, l'erotismo, il dramma e la tragedia della morte e tramandare un audace e vivido spaccato di vita, per far sorridere e insieme piangere i lettori sulle intramontabili croci e delizie della giovinezza. Sono gli anni più belli della nostra vita!

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo