Il giorno del giudizio

Compra su Amazon

Il giorno del giudizio
Autore
Michele Maggi
Editore
Koi Press
Pubblicazione
27 ottobre 2013
Categorie
Nel 1897, in un'Italia ancora profondamente spaccata e agli albori della nascita del Partito Socialista, viene rapita una bambina in un paese della Brianza.

L’indagine viene affidata a Pietro Negri, Delegato di P.S. della Questura di Milano, l’equivalente di un odierno Ispettore di Polizia e a Pasquale Esposito, suo subordinato dal passato alquanto ambiguo ma a lui fedele.

Negri, nel corso della sua attività, si imbatterà nel più ampio e complesso fenomeno della tratta dei bambini italiani in Francia e Inghilterra.

...il giorno del giudizio arriverà per tutti e ognuno dei personaggi dovrà compiere drammaticamente il proprio destino.


** AUTORE **

Michele Maggi
Milano, 1961 già Ispettore della Polizia di Stato, tra il 1981 e il 2008 ha svolto attività investigativa nell’ambito della Squadra Mobile di Milano (sezione Antidroga e sezione “Reati in danno di minori e reati sessuali”).

Sociologo e criminologo clinico, ha svolto incarichi di docenza in materie attinenti i reati sessuali, l’abuso e il maltrattamento dei minori presso Università e Scuole di Specializzazione in Lombardia e in Emilia Romagna.

Consulente scientifico della compagnia teatrale "Quelli di Grock" sul tema della violenza domestica.

Attualmente è dirigente aziendale e si occupa di Compliance & Security.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Michele Maggi

Corri, Nadir! (Pagine disparse)

Corri, Nadir! (Pagine disparse) di

E corre, Nadir. Arrivato in Italia qualche anno fa dalla Tunisia, ha capito presto che per viverci come ci vive lui, senza documenti, senza lavoro, con la speranza sempre più lontana di trovare oltre confine un paese più accogliente, bisogna correre molto: da un fornitore di coca a un altro, dall’uno all’altro dei tossici disposti a comprarla; e qualche volta, quando si entra in un gioco che no...