I Canti di Partenope. Il pendolo e l'anima

Sensibile e introverso, cinico e romantico: tre nuovi casi per l’ispettore Vasilio Boris. Sullo sfondo della sua Napoli, animata da amore e odio, egoismo e generosità, violenza e compassione.

Cleopatra – Piove a dirotto in una Napoli fredda e buia. L’ispettore Vasilio Boris trova una donna svenuta sulla porta del suo appartamento. Senza pensarci due volte la porta in casa. Senza sapere che avrà un ruolo importante nell’omicidio di un uomo con un passato non troppo pulito.

Anima Nera – Bella come una dea, nera come l’ebano. Nabilah è stata rapita dal suo villaggio in Africa da uomini senza scrupoli. Destinata alla vita di marciapiede. Invece finisce nelle mani di un solo uomo che la tratta come un oggetto. Un uomo ritrovato misteriosamente morto.

Oscillazioni – Una strana figura in alto, dalla finestra di un palazzo. Oscilla come se fosse il pendolo di un orologio. Ma il senso di oppressione che attanaglia l’ispettore Boris significa tutt’altro. E lo porterà a indagare su un duplice suicidio per amore.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Pietro Casciello

I Canti di Partenope - Il primo rintocco

I Canti di Partenope - Il primo rintocco di Pietro Casciello Teomedia

Tutto comincia con le lancette dell’orologio a pendolo che girano all’incontrario. E con un senso di oppressione, una brutta sensazione. Una giovane ragazza, Angela, trovata morta nella sua scuola, apparente suicida, porterà Vasilio Boris a tornare indietro nel tempo, a guardare al suo passato. A ricordarsi ancora una volta della sua Judith. Sensibile e introverso, cinico e romantico: l’...