ROSA E LA CALABRIA SAUDITA (Narrativa e Storia Italiana Vol. 1)

Rosa e la Calabria Saudita
Di Enrico Bernard
Il titolo nasce da un’autoironica alliterazione Arabia-Calabria, quindi Saudita, con cui I Calabresi sottolineano come la loro “punta dell’italico Stivale” si allontani sempre più nel Mediterraneo, quasi staccato dal Continente non solo culturalmente ed economicamente, ma anche fisicamente (vedi l’interminabile costruzione dell’autostrada Salerno-Reggio). Una isolamento che fa del resto comodo alle cosche per il controllo del territorio, della “cosa pubblica” e soprattutto della vita quotidiana dei cittadini.
Rosa si ritrova sola ad affrontare la vita: sola ad educare il figlio, sola nella sua “Calabria Saudita”, sola quando la “testardaggine” del marito, un giornalista impegnato contro la ‘ndrangheta, avrà conseguenze tragiche.
Rosa è una donna che ha il coraggio di amare fino in fondo, che non dimentica la bellezza della sua terra, di cui dipinge un ritratto tragicomico e appassionato, divertito e doloroso. In Rosa arde il desiderio di riscatto di un popolo dimenticato, abbandonato a sé stesso, tradito dal suo stesso sangue e dalla storia.
Giovanni Falcone sosteneva che per combattere le mafie non basta il contributo straordinario di pochi, ma serve l’impegno ordinario di tutti. Quello del magistrato siciliano era un invito a non volgere lo sguardo altrove, a non considerare le mafie un tabù da tollerare o sopportare in silenzio per prudenza, ma un letto pulcioso che infesta il Paese, un tanfo di stalla che ammorba l’aria e che si «arrimina» nella pancia come un animale inferocito. Un animale che uccide sogni e speranze, che ruba e distrugge. Sempre. Anche quando propone opportunità di lavoro dietro le quali si celano ricatti pagati con la perdita della libertà e della dignità (…) Le mafie continuano ad essere questo e altro in un paese ancora troppo distratto di fronte a certe tematiche. Lo stesso teatro, «a parte alcune nobili e in qualche caso eroiche eccezioni», come scrive Enrico Bernard, finora «è stato poco ispirato dal tema della mafia» (…) Proprio, Paolo Borsellino, prima di morire, aveva sottolineato l’importanza di non considerare la lotta alla mafia «una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale», capace di coinvolgere «tutti e specialmente le giovani generazioni, le più adatte a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità» (…) Le mafie, da sempre, sono minoranze organizzate. Se finora hanno avuto la meglio è perche sono state contrapposte da maggioranze disorganizzate. Forse è il momento di invertire questa tendenza, superando le reticenze, di cui parla Bernard, e coniugando la speranza auspicata dall'autore per spazzare i troppi silenzi di cui si servono i boss per rafforzare la loro presa sul nostro futuro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Enrico Bernard

Lila  fabula

Lila fabula di

L'Uomo Nero nei sogni delle donne. Il mostro interiore si presenta nottetempo a Lila nelle sembianze di un occulto viaggiatore che si è smarrito sulle strade di montagna. Lo spirito incarna un dèmone... comincia il gioco al massacro.666 - ULTIMA AVVERTENZA AL LETTORE INCAUTO CHE PER SBAGLIO O INGENUITA' SI SIA PROCACCIATO IN QUALSIASI MODO - TRAMITE ACQUISTO, FURTO, RITROVAMENTO ECCETERA ECC...

La Voragine

La Voragine di

L'Italia vista come un immane, caotico cantiere dove si ci si scava un inutile buco sotto ai piedi. Ori e il Capo sono rimasti soli a fingere, a credere, oppure solo a sperare di lavorare, ma non hanno ordini, nessuna direttiva, zero programmi. Dall'alto una voce sempre più gracchiante, assordante, inquietante intima di SCATTARE! Ma dove? In che direzione? E poi: è un ordine? O è un contro-ordi...

Autori e drammaturgie: Enciclopedia del teatro italiano contemporaneo

Autori e drammaturgie: Enciclopedia del teatro italiano contemporaneo di

Tutti gli autori del teatro italiano contemporaneo dal 1947 al 2017. Opere, date, scheda e profilo critico. Appendici sui generi dello spettacolo.

Voci di donna: 7 monologhi al femminile

Voci di donna: 7 monologhi al femminile di

Sette donne speciali per sette messaggi speciali: Penelope richiama il despota della sua anima Odisseo, Beatrice risponde per le rime alla sublimazione dell'ideale femminile di Dante, Mary Shelley genera il mostro Frankenstein, Sophie Taeuber Arp moglie di Jean Arp racconta l'avventura dadaista del Cabaret Voltaire duettando con Tzara, Einstein e Lenin, Gudrun Ensslin compagna del terrorista r...

Lutero: un patto con l'Io

Lutero: un patto con l'Io di

Piano dell’opera:Parte prima: Storia del Patto col DiavoloI - Il patto con l'Io: Martin Lutero tra Faust e la Baader-Meinhoff. II - Faust e Lutero.III - Faust e il "faustismo".IV - Faust e Shylock.V - Faust e lo stato di natura.VI - Il mistero di Faust.VII - Faust e il problema della libertà.VIII - Faust e il suo doppio "inglese".IX - Il paradosso di Lessing.X - Il “gran mondo borghese” di Faus...

Tanto la rivoluzione non scoppierà

Tanto la rivoluzione non scoppierà di

Dramma dall'omonimo romanzo di Carlo Bernari (Mondadori). Basta ribellarsi per cambiare il mondo, oppure occorre progettare la propria fine come fine di tutto? Uccidersi per uccidere sembra l'unica verità conquistabile in un universo che ha ridotto ogni forma di rivolta in un'industria redditizia.