Ossessione Mortale (Narrativa universale)

Compra su Amazon

Ossessione Mortale (Narrativa universale)
Autore
Rossella Zito
Editore
Officine Editoriali
Pubblicazione
22 settembre 2013
Categorie
Jonathan Molinari è un giovane e brillante ispettore di polizia del distretto di Torino. Un mese dopo il suo trasferimento da Verbania ha inizio in città una serie di orribili omicidi. Le vittime sono tutte giovani donne dai capelli neri e gli occhi verdi, proprio come Naomi, sua madre, massacrata insieme al marito ventiquattro anni prima con le stesse modalità. Quella sera d’estate lui aveva solo sei anni e fu l’unico testimone di tanto orrore.
Sebbene apparentemente Jonathan viva ora una vita normale, subisce ancora il suo inconscio che ogni notte popola di incubi il suo sonno.
Gli omicidi seriali che si susseguono in città sono senza dubbio una faccenda personale tra lui e il killer che tenta di colpirlo nei suoi affetti più cari. Jonathan capisce che deve fare chiarezza dentro di sé se vuole assicurare il criminale alla giustizia. Deve squarciare quel velo dietro al quale ha cercato di proteggersi per tanti anni. L’ipnosi lo aiuterà a rivivere quei momenti drammatici e dolorosi ma, soprattutto, gli rivelerà che l’assassino è molto più vicino a lui di quanto creda. In una corsa contro il tempo affronterà altri dolori per salvare la vita alle persone care mentre nel momento della resa dei conti scoprirà altre terribili verità.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Rossella Zito

Calma apparente (Narrativa universale)

Calma apparente (Narrativa universale) di

L’ispettore di polizia Jonathan Molinari è convinto di aver elaborato i suoi lutti. Si è fatto trasferire al distretto di Verbania e ha ristrutturato la tenuta dei genitori, persi tragicamente quando era ancora un bambino, dove è andato a vivere con il nonno. Quando, una mattina di primavera, affiora dalle acque del lago il corpo senza vita di una giovane donna, non immagina che sia solo la pri...