Il processo Bartelloni

Compra su Amazon

Il processo Bartelloni
Autore
Giulio Piccini
Editore
Infilaindiana Edizioni
Pubblicazione
10 settembre 2013
Categorie
Ne Il processo Bartelloni (1883) ritroviamo la figura complessa e molto umana del commissario Arganti. Continua, quindi, e con successo il ciclo del commissario Lucertolo aperto con L’assassinio nel vicolo della Luna. Ambientato nella Firenze del Granducato di Toscana, il testo ha inizio con una seduta della Rota fiorentina nel palazzo detto del Bargello chiamata a pronunciarsi sull’assassinio del pittore Roberto Gandi. Imputato per l’omicidio è Nello Bartelloni. Il nostro commissario, il birro come lo chiama affettuosamente Piccini, è in realtà intento a ricercare il colpevole nello stesso corpo di polizia, convinto che anche quest’ultima sia ormai corrotta e degenerata. L’impianto del libro è ovviamente processuale e in esso sono intatte tutte quelle caratteristiche che rendono il personaggio di Lucertolo unico e coinvolgente.

Giulio Piccini, alias Jarro, nasce a Volterra nel 1849. Autore e giornalista acuto e sagace ci ha lasciato diversi romanzi, saggi, articoli ancora oggi interessanti. Osserva e commenta la società fiorentina dalle colonne de “La Nazione”. Esperto di cucina, pubblica con successo tre Almanacchi gastronomici. Muore a Firenze nel 1915.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giulio Piccini

L'assassinio nel vicolo della luna

L'assassinio nel vicolo della luna di

Era la sera del 14 gennaio 1831.L’orologio del Palazzo Vecchio, in Firenze, suonava le 8.Una donna, tutta velata, della quale sarebbe stato difficile dire l’età, avendo il volto coperto, ma che pareva giovane alle snelle movenze della persona, e alla scioltezza del passo, usciva da una casa in Piazza degli Amieri, traversava frettolosamente varie stradette, passava dinanzi alla Loggia del Pesce...

L'assassinio nel vicolo della luna

L'assassinio nel vicolo della luna di

Era la sera del 14 gennaio 1831.L’orologio del Palazzo Vecchio, in Firenze, suonava le 8.Una donna, tutta velata, della quale sarebbe stato difficile dire l’età, avendo il volto coperto, ma che pareva giovane alle snelle movenze della persona, e alla scioltezza del passo, usciva da una casa in Piazza degli Amieri, traversava frettolosamente varie stradette, passava dinanzi alla Loggia del Pesce...