Il cappello del prete

Compra su Amazon

Il cappello del prete
Autore
Emilio De Marchi
Editore
Infilaindiana Edizioni
Pubblicazione
9 settembre 2013
Categorie
Il cappello del prete, oltre ad essere tuttora un testo godibile e intrigante, ha il merito di aver dato vita in Italia al poliziesco, genere letterario prima di allora estraneo alla nostra tradizione. L'intreccio è quello tipico dei gialli: c'è un movente (in questo caso di natura economica), un assassinio e un'indagine. La vicenda ha per sfondo Napoli e il suo mondo variopinto e popolare, che qui però non diventa mai da cartolina. L'autore segue e tratteggia il destino dei suoi personaggi con distacco e stile realistico. A tratti però, specialmente nel finale, l'analisi psicologica diventa centrale e le descrizioni lasciano spazio ad alcuni monologhi veramente toccanti e simili a veri e propri flussi di coscienza. I protagonisti principali della vicenda sono: il barone Carlo Coriolano di Santafusca, uomo dal carattere controverso e ambiguo, Padre Cirillo (u prevete), atipica figura di prete interessato più alla ricchezza che alla vita contemplativa, e da ultimo lo stesso cappello del titolo. Pubblicato dapprima a puntate sul quotidiano “L'Italia del Popolo” esce in volume nel 1888, riscuotendo da subito un enorme successo. Il libro viene in seguito tradotto in diverse lingue. L'opera è stata trasposta al cinema nel 1943 con la regia di Ferdinando Maria Poggioli e in televisione nel 1970 sotto la direzione di Sandro Bolchi.


Emilio De Marchi nasce a Milano il 31 luglio 1851. Autore atipico nel panorama delle nostra letteratura, con romanzi come Demetrio Pianelli (1890) e Giacomo l'idealista (1897) ha saputo con maestria descrivere la nuova società, impiegatizia e piccolo-borghese, venutasi a formare all'indomani dell'Unità d'Italia. Muore a Milano il 6 febbraio 1901.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Emilio De Marchi

Demetrio Pianelli

Demetrio Pianelli di

L'onestà, la forza interiore, la rinunzia amorosa di un impiegato, nella Milano piccolo-borghese di fine Ottocento. Capolavoro di Emilio De Marchi (1851-1901), Demetrio Pianelli è a tutt'oggi un'opera di singolare vitalità narrativa.

Opere di Emilio De Marchi

Opere di Emilio De Marchi di

4 opere di Emilio De Marchi Scrittore italiano (1851-1901) Questo libro elettronico presenta una collezione di 4 opere di Emilio De Marchi. Indice interattivo: Col fuoco non si scherza Nuove storie d'ogni colore Vecchie Storie Vecchie cadenze e nuove

Giacomo l'idealista

Giacomo l'idealista di

Dopo Demetrio Pianelli e il successivo Arabella, De Marchi ci regala un'altra prova delle sue indubbie capacità di scrittura con Giacomo l’idealista, testo pubblicato nel 1897 a partire da un suo precedente dramma composto quattro anni prima. De Marchi, dunque, in questo caso parte dal teatro per passare alla letteratura, invertendo il percorso generalmente seguito da molti autori italiani di f...

Demetrio Pianelli e altri romanzi

Demetrio Pianelli e altri romanzi di

Nelle opere di Emilio De Marchi c’è l’espressione di un pessimismo di fondo sulla condizione umana. Esso fa capo alla constatazione che i “giusti”, vale a dire gli esseri semplici, socialmente sensibili e altruisti, soffrono in un mondo che, dominato dall’avidità di denaro, privilegia l’intraprendenza, la furbizia e l’egoismo. Demetrio Pianelli è un travet, costretto dal nuovo ruolo acquisito d...

Demetrio Pianelli

Demetrio Pianelli di

Demetrio Pianelli, pubblicato nel 1890, è considerato unanimemente il capolavoro di De Marchi. Il romanzo, ambientato nella Milano di fine Ottocento, segue le vicende della famiglia Pianelli. La prima parte è dominata dalla figura di Cesarino, modesto impiegato detto per via dell'eleganza Lord Cosmetico, il quale, indebitatosi gravemente, finisce per togliersi la vita. A questo punto la storia ...

Opere (Classici della religione)

Opere (Classici della religione) di

Lo scrittore milanese Emilio De Marchi (1851 – 1901) lega il suo esordio letterario al movimento della Scapigliatura, cui unisce l'eredità manzoniana e i caratteri del naturalismo, in una felice sintesi che dà rilievo particolare alla vita della piccola borghesia e della gente umile, e con un'attenzione costante all'elemento del paesaggio. La sua produzione romanzesca prende avvio fra il 1876 e...