Cimitero dell'Universo

Compra su Amazon

Cimitero dell'Universo
Autore
Franco Sollyman
Pubblicazione
24 luglio 2013
Categorie
Il destino è l'ossessione di cinque amici, decisi a sfidarla con la morte. Mark scrive su un diario le sue esperienze vissute nel delirio, racconta gli incubi vissuti in uno strano mondo sperduto nell'universo dove sono ancorate le anime dei defunti di tutto l'universo.

L’incontro con il giornalista Marco Fruente ed Ego il Saggio sarà per lui una luce che affiora dalle tenebre.



L’oscurità si affievolisce sempre di più e mi consente di visualizzare con più nitidezza il luogo dove sono e i volti di migliaia di persone presenti. Sono tutti pallidi e spaventati. Ho il terrore di riconoscere fra loro i miei cari e i miei amici, perché se così fosse, ciò vorrebbe dire che sono morto e sperduto in chissà quale dimensione dell’universo. Non mi resta che attendere e sperare. Finalmente scorgo una figura umana in lontananza che avanza a piccoli passi. Dappertutto c’è solo buio. Un buio tetro.

«Benvenuti a Crypois. Dimora dei morti di tutte le galassie. Qui il tempo non esiste. Questo mondo è la Materia Oscura presente nell'universo. Voi siete qui in attesa che la luce vi doni la vita e vi consenta di ritornare alla mortalità di sempre».

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Franco Sollyman

Nel Reame dell'Orrore

Nel Reame dell'Orrore di

L’Orrore è un piatto che si mangia in ogni occasione. Un incubo che nasce nella tempesta della nostra coscienza. La luna piena che illumina le nostre paure. Un ululato che risveglia i nostri sensi. Un film proiettato dalla nostra mente. L’ombra della nostra psiche. Il nostro passo che ci allontana dalla realtà. Lo specchio che riflette la nostra anima. Un coltello che sventra le nostre viscer...

Il Fulcro della Pazzia

Il Fulcro della Pazzia di

La pazzia ha molti modi per manifestarsi, può ingannare, confondersi con altre patologie, erompere all’improvviso per uno shock causato da un lutto, da una violenza subita o dal vedere qualcosa di spaventoso. Gli psichiatri non hanno giganteggiato in questo ramo, rimasti agli albori del tempo, sono irresponsabili perché la pazzia annida nel cervello, e poiché il cervello umano è un contenitore ...

Ai Confini dell'Impossibile

Ai Confini dell'Impossibile di

.C’è un confine che separa l’Uomo dalla realtà, un confine ancora invisibile. Sin dagli albori, l'uomo ha narrato le sue avventure e disavventure attraverso i racconti. Ha lasciato ai posteri delle mitiche leggende di guerre epiche e di eroi eccelsi, ma ha lasciato anche delle storie che sfidano la realtà della comprensione umana, che sfidano le leggi della natura, della fisica e della psiche...

Due Passi nel Delirio

Due Passi nel Delirio di

Sin dalla sua comparsa, l’Uomo non ha mai smesso di curiosare e di cercare, soprattutto non ha mai cessato di scoprire le proprie origini. Egli ha appreso, ha assimilato ciò che è scritto sui libri, ha ascoltato il verbo attraverso i Sapienti, ciononostante, non è soddisfatto, perché la sua sete di sapere è illimitata, non si estingue mai, altrimenti che senso avrebbe la vita? Alle migliaia di...

La Verità sul Santo Graal

La Verità sul Santo Graal di

L'uomo, da millenni, è sulle tracce del Santo Graal, il più grande mistero irrisolto dell'umanità. Uno spiraglio di luce emerge dal buio sepolcrale che circonda il Santo Graal, destinato a svelare finalmente la verità al mondo. Il giornalista Marco Fruente è la chiave di quel mistero. Arbitro del suo fatale destino.«Il Santo Graal non è il calice in cui Giuseppe D’Arimatea raccolse il sangue di...

Nel Delirio del Pozzo

Nel Delirio del Pozzo di

I mostri della nostra realtà sono tangibili e si raccontano giornalmente nella vita quotidiana, ciò che lo scrittore deve raccontare è racchiuso nel pozzo inconscio di ognuno, esso è invisibile e spietato, acquattato nel buio delle nostre paure, pronto a esplodere i depressivi colori del male. In ogni armadio c’è uno scheletro, nel nostro inconscio, invece, c’è un pozzo profondo senza fine, dov...