Le formiche di piombo (LaBianca)

Dicembre 1975. Torino, la città della Fiat e del sogno industriale. Una delle città della rivolta operaia, degli scontri in piazza. Michele, giovane ingegnere, si trova suo malgrado catapultato in una vicenda di intrighi, pedinamenti e sparatorie. Diego, un terrorista, metterà a repentaglio la sua sicurezza per aiutarlo, in nome della loro amicizia. Michele dovrà fare dolorose rinunce, fuggire via per poi tornare solo dopo tanto tempo. Troverà una città cambiata, dove si è spenta l’eco dei molti fatti accaduti e dove la vita gli riserverà ancora un’ultima sorpresa. Alla fine non resterà un vero vincitore, solo una grande storia di amicizia che travalica ogni confine. Nessuno è perfetto, gli uomini sono come formiche in fila: le più numerose seguono la direzione comune senza deviare e senza chiedersi cosa è giusto e cosa no; le meno numerose, al contrario, deviano perché hanno bisogno di cercare, capire, combattere. “Le formiche di piombo”, appunto.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Enzo D'Andrea

Il PC dispettoso

Il PC dispettoso di

Un personal computer particolare, un essere pensante, pure troppo… Uno scrittore davanti alla sua grande occasione… Sembra andare tutto liscio, così almeno crede. E se il computer non la pensasse allo stesso modo?

Riders on the storm (BiBook)

Riders on the storm (BiBook) di

Pur essendo informe, forse immateriale, il destino è in agguato. Piove. Una Ford nera corre lungo una strada poco battuta, in mezzo ai boschi del Vermont. Va incontro a qualcosa di minaccioso, mentre nell'aria si liberano le note di un vecchio brano dei Doors.