Passione sepolta (IoScrittore)

Compra su Amazon

Passione sepolta (IoScrittore)
Autore
Maurizio Roccato
Editore
Io Scrittore
Pubblicazione
13 giugno 2013
Categorie
Non esiste arma più potente dell’amore.
I due protagonisti di Passione sepolta, due miseri scheletri ritrovati nel 2007 nella Bassa padana, stretti in un eterno abbraccio che sa di sangue e polvere, luce e buio, sono l’emblema di questa atroce verità.
Li chiamano gli “Amanti di Valdaro”.
Uniti nella vita.
Uniti nella morte.
Ma chi erano? Perché e come sono morti? Chi li ha sepolti lasciando che il loro legame sconfiggesse il tempo, i sogni, il destino?
È solo uno strano scherzo del caso che la loro storia, rimasta intrappolata sotto secoli di terra umida, sia così simile a quella dell’uomo e della donna che li devono esaminare?
Il mistero è infatti nelle mani di un ambizioso archeologo e di una brillante paleopatologa, che hanno tanti punti in comune con quell’enigma e non possono evitare di rimanerne stregati. In quell’ossessione avvolgente si specchieranno, cercheranno un senso sempre più profondo, scaveranno a mani nude senza riuscire mai a fermarsi. Non prima che sia troppo tardi.
Perché potranno ricostruire l’epoca della loro scomparsa, comprenderne i motivi, conoscere la loro alimentazione e la provenienza geografica. Ma con la scienza non arriveranno mai a recuperarne i ricordi, le emozioni, il potere struggente della passione che ha fatto di loro un solo corpo.
Perché non sanno, non possono immaginare quanto l’amore sia pericoloso.
E quante persone darebbero qualunque cosa pur di scoprirlo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Maurizio Roccato

Un delitto senza colpevoli: L'antropologia di Cesare Lombroso tra crimine, genio, arte e follia (Blu Oltremare Vol. 1)

Un delitto senza colpevoli: L'antropologia di Cesare Lombroso tra crimine, genio, arte e follia (Blu Oltremare Vol. 1) di

Sul finire dell'ottocento Cesare Lombroso, padre riconosciuto dell'antropologia criminale, sosteneva che i delitti più orrendi avevano un punto di partenza negli istinti animaleschi insiti nella fisiologia di ogni essere umano, proponendo una teoria secondo cui ognuno può nascere con una potenziale predisposizione alla violenza e alla criminalità. Allo stesso modo, anche il genio e l'attitudine...