Gli ingenui (Italian Edition)

Compra su Amazon

Gli ingenui (Italian Edition)
Autore
Alfredo Panzini
Pubblicazione
18 aprile 2013
Categorie
Mio babbo oramai era tutto assorto nel suo lavoro di agricoltore. Le sue speranze erano senza limite e la sua felicità era raggiante: il patrimonio di famiglia sarebbe stato rifatto su le basi della sua attività e della sua industria.

I poderi vennero presi in affitto chè di nostri ne rimanevano ben pochi; le macchine arrivarono: trebbiatrici, aratri, sgranatrici, pigiatrici, ecc., ecc.; e poi grandi vagoni di guano e di concimi chimici vennero portati su fra le meraviglie, le dicerie, le invidie, le maldicenze, le crollate di testa dei villani, che ognuno voleva dire la sua.

All'antica compagnia degli imbroglioni politici, subentrò una compagnia nuova, meno numerosa, ma non meno dissanguatrice di agenti, commissionari, sensali e simile genìa.

Per quegli anni io ricordo mio babbo, anche nei giorni più affocati di luglio, su e giù per i campi, a sorvegliare, a dare ordini, a dirigere i lavori. Lo ricordo in mezzo a tutti quei villani con la sua faccia abbronzata, sotto un gran cappello di panama, una giacca di frustagno, le grosse scarpe di cuoio grezzo, e la barba rossiccia con qualche filo d'argento, accuratamente quadrata che cadeva su lo sparato di batista fragrante.

Morì tragicamente: una pugnalata terribile nel cuore che lo lasciò freddo, stecchito.

Ecco come: la festa di mezzo agosto, verso sera, su la piazza, fra un grande tumulto di villani avvinazzati, un certo tale noto e temuto per sanguinaria violenza, aveva trovato a dire con un giovane; e la madre e la ragazza di costui atterrite urlavano aiuto, per la madonna, che lo ammazzavano il figliuolo; e tutti facevano largo, e guardavano senza muoversi. Passa mio babbo, e le donne e tutti a gridare: «Signor conte, signor conte, che lo faccia star buono lei!» E [20]mio babbo si avvicinò solo, solo, sorridendo, con la mano levata per placare quel furibondo, quando una terribile coltellata nel cuore lo lasciò morto. Hanno avuto il coraggio di portarcelo a casa così! Dicevano che non era niente, che era svenuto, perchè aveva il suo sorriso e la sua indimenticabile sigaretta stretta ancora fra le labbra.





Gli ingenui (Italian Edition), La cagna near,Nora,Da Novi a Pavia,Per un ribelle

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alfredo Panzini

Il romanzo della guerra nell'anno 1914

Il romanzo della guerra nell'anno 1914 di

Struggente, intenso, amaro. "Il romanzo della guerra nell'anno 1914" è uno dei più bei libri di Alfredo Panzini.Alfredo Panzini (Senigallia, 31 dicembre 1863 – Roma, 10 aprile 1939) è stato uno scrittore, critico letterario e lessicografo italiano.....

Grammatica italiana

Grammatica italiana di

Pensare alla grammatica italiana ed evocare obblighi scolastici e regole di coniugazioni o concordanze è tutt'uno, e questo non la rende un argomento troppo allettante. Oggi, poi, può sembrare più utile studiare altre lingue, una innanzitutto, visto che l'inglese ha messo radici in parecchi ambiti della nostra vita (tecnologia, economia e politica) e nelle nostre scuole, senza contare che ci co...

Il diavolo nella mia libreria

Il diavolo nella mia libreria di

Un espediente straletterario come quello di un'eredita fatta di libri – ormai datati e risalenti alla Rivoluzione Francese - serve ad Alfredo Panzini per innescare le polveri dell'ironia contrapponendo i vecchi testi a quelli dell'oggi, il primo ventennio del '900. E' l'epoca della Grande Guerra e dei sommovimenti sociali che anticiperenno l'era fascista, e che Panzini immortala in maniera mag...

La lanterna di Diogene

La lanterna di Diogene di

È “un ardente pomeriggio” dell’11 luglio, allorché l’autore varca la Porta Romana di Milano (“dove è necessario possedere un sistema nervoso fabbricato appositamente.) su una vecchia bicicletta per raggiungere un paesucolo sull’Adriatico, in Romagna, Bellaria: “ornate le gambe di un paio di novissime calze, montai in sella.” Ci delizia subito una scrittura frizzante, briosamente arguta e civett...

IL ROMANZO DELLA GUERRA: NELL'ANNO 1914 NARRATIVA ITALIANA 6

IL ROMANZO DELLA GUERRA: NELL'ANNO 1914 NARRATIVA ITALIANA 6 di

Fu il 30 giugno, giorno degli esami al Politecnico: uno studente trentino giunse in ritardo. Aveva quasi le lagrime agli occhi per la commozione. La sera precedente - mi pare - era scoppiata la notizia della tragedia di Seraievo: l'arciduca Francesco Ferdinando da Este, l'erede al trono d'Austria, era stato assassinato. - Giustiziato! - Come crede lei, mio caro giovine, risposi. - Posso conveni...

La Madonna di Mamà

La Madonna di Mamà di

La Madonna di Mamà Alfredo Panzini, scrittore e critico letterario italiano (1863-1939) Questo libro elettronico presenta «La Madonna di Mamà», di Alfredo Panzini. Indice interattivo - Presentazione - Dedica - La Bella Fetta D'angria - Gli Ngioli - I Dmoni - L'abito Blumarn - Uccellin Che Spicca Il Volo - La Signora Marchesa - Bobby - Le Vie Della Pedagogia - La Confusione Dei Casi - Miss Edi...