La luce nel labirinto.Uno speziale a Napoli nel primo Seicento (Archigrafica Paperback Vol. 22)

Ferrante Imperato, speziale napoletano, assiste un uomo che gli muore tra le braccia colpito al petto di coltello. E' stata l'Ombra, dice la gente spaventata dalle incursioni di demoni su carri di fuoco che seminano il terrore per i vicoli di Napoli.C'è qualcuno che trama nell'ombra. Un essere demoniaco, evanescente, che sembra doppio e multiplo. Sfuggente ed evanescente come uno spettro, un'ombra. E' come il tirannico Nibbio che semina la morte fra le colombe della favola di Fedro. Il suo obiettivo è indurre al silenzio un gruppo sparuto di intellettuali che lotta per introdurre, nelle tenebre del tempo e l'oppressione di una religione miope pronta a condannare ogni anelito di lbertà, la luce della ragione e della ricerca scientifica. Ferrante e Francesco Imperato, Giovan Battista Della Porta, Tommaso Campanella, Giovan Battista Basile e la sua bellissima sorella Andreana, Giulio Cesare Cortese e altri interpreti storici accertati si muovono accanto a personaggi d'invenzione e agli attori della Commedia napolitana del primo Seicento tra cui spiccano Policinella, Memeo Squaquara, Bartolommeo Zito in un coinvolgente noir d'invenzione.

Una storia che si sviluppa per gli spazi ristretti e quasi claustrofobici della Napoli antica, nei suoi vicoli e scale che portano verso la collina del Vomero, nello Spedale degli Incurabili, il Castello di Sant'Elmo e la Villa Sirena di Posillipo. Nel trionfo dello spettacolo di commedia, tra gli sberleffi e i lazzi degli attori comici spunta lo Spirito della Morte che si batte con il Nero cavaliere assassino di anime innocenti, visionario profeta di un nuovo ordine mondiale basato sul terrore e il fuoco purificatore.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo