Un assassino di troppo (La memoria)

Dai maestri del poliziesco scandinavo anni Settanta, il seguito del primo romanzo Roseanna: il commissario Beck, e la sua squadra di disincantati, indaga su un caso doppio a rischio politico; una critica al sistema in giallo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Maj Sjöwall

L'uomo che andò in fumo (La memoria)

L'uomo che andò in fumo (La memoria) di

Una misteriosa scomparsa spinge il commissario Beck nelle trame di un intrigo internazionale: un giornalista di successo di Stoccolma sparisce nel nulla durante un viaggio di lavoro a Budapest. Sullo sfondo di una città imponente e misteriosa sulle rive del Danubio uno dei gialli più avvincenti della coppia svedese.

L'uomo sul tetto (La memoria)

L'uomo sul tetto (La memoria) di

Il commissario Martin Beck è questa volta alle prese con una sanguinosa vendetta contro l’intero corpo di polizia. Rischiando in prima persona fermerà l’assassino e svelerà le malefatte di un alto papavero della polizia prima vittima del folle omicida, ma in realtà carnefice.

Terroristi (La memoria)

Terroristi (La memoria) di

Nel decimo e ultimo romanzo della saga Martin Beck è alle prese con più casi contemporaneamente: l’omicidio di un regista pornografico e imprenditore del vizio; una strana rapina commessa, a detta dello sbrigativo procuratore, da una ragazza madre fuoriuscita da un mondo incantato; e infine, vicenda principale, l’attentato terroristico progettato contro un potente senatore americano in visita.

La camera chiusa (La memoria)

La camera chiusa (La memoria) di

Una rapina con il morto in pieno centro. Un poveraccio trovato cadavere dentro un monolocale chiuso dall’interno. Un procuratore entusiasta che immagina complotti e non vede indizi. Martin Beck, uscito da una convalescenza e da un matrimonio fallito, ricollega i fili.

Omicidio al Savoy (La memoria)

Omicidio al Savoy (La memoria) di

Ancora un'indagine per il commissario svedese Martin Beck: un facoltoso e influente imprenditore viene assassinato, un omicidio apparentemente a sfondo politico; ma un’altra pista, proietta il detective verso una verità più modesta e triste.

L'autopompa fantasma (La memoria)

L'autopompa fantasma (La memoria) di

Stoccolma, 1968. Alla periferia della città, in una vecchia casa in legno a due piani, scoppia un incendio devastante in cui perdono la vita quattro persone. Martin Beck e i suoi avviano l'indagine seguendo la traccia di un'autopompa attesa e mai sopraggiunta. E la verità, sconvolgente, a fatica si fa strada.