Il demone della prosperità (Longanesi Narrativa)

Pechino, anno 2013. L'enigma al quale si trova di fronte il giornalista e scrittore Vecchio Chen è quantomeno insolito. Un mese intero della recente storia cinese sembra misteriosamente «scomparso», non soltanto dai resoconti ufficiali e dagli archivi dei media nazionali, ma anche dalla memoria della gente. Un mese fantasma di cui, per qualche strano motivo, solo due persone molto vicine al protagonista sembrano avere un ricordo vivido e doloroso: l'annuncio di una disastrosa crisi economica planetaria e le sue conseguenze: repressione, razionamenti di cibo e leggi marziali. Che cosa è successo di così terribile da non poter essere ricordato? Come si spiega questa amnesia collettiva in una Cina dalle atmosfere rarefatte, un paradiso dove regnano ricchezza e stabilità e tutti sono felici? I conti non tornano a Vecchio Chen e ai quattro amici che si uniscono alla sua ricerca; un'indagine azzardata in cui metteranno a rischio ogni cosa, spingendosi a compiere la più avventata delle mosse possibili: il rapimento di un membro del Politburo del Partito?
Pubblicato a Hong Kong e proibito in Cina, dove è circolato sottobanco tra gli intellettuali e i blogger ed è entrato nella top ten dei best seller venduti al mercato nero, accolto all'estero come un caso letterario, Il demone della prosperità ha scosso pubblico e critica per il suo impietoso attacco al regime della Repubblica Popolare Cinese.
Un feroce romanzo fantapolitico dai tratti inequivocabilmente orwelliani, che descrive magistralmente le nostre paure più nascoste.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo