Il cavallo dell'invisibile (I corti di Alphaville)

Anche se in vita non ebbe un gran successo letterario, il britannico William Hope Hodgson (1877-1918) dopo la propria morte sul fronte francese della prima guerra mondiale divenne ben presto famoso, ed è oggi considerato uno degli autori “classici” della narrativa fantastica (dal suo romanzo “The house on the borderland”, del 1908, Lovercraft trasse ispirazione per i suoi celebri miti di Cthulhu). Il racconto qui presentato, “The horse of the invisible”, fa parte di un ciclo di racconti pubblicati dal 1910 al 1912 sulla rivista “The Idler” e poi raccolti nel volume “Carnacki, the ghost-finder” (1913) che ha come protagonista l’investigatore dell’occulto Thomas Carnacki. In questa vicenda il nostro detective si trova alle prese con il caso di una giovane donna vittima di un’oscura maledizione che nel corso nei secoli si è spesso abbattuta sui membri femminili della sua famiglia alla vigilia delle nozze. Procedendo con l’indagine il mistero s’infittisce, fino a far dubitare al nostro della reale natura della minaccia sovrannaturale.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di William Hope Hodgson

Il cavallo fantasma

Il cavallo fantasma di

"Maestro del macabro. Autore di cinquanta o più racconti di fantasia e terrore. Hodgson è stato uno dei pochi autori capaci di catturare l'inafferrabile essenza del soprannaturale. Tra gli intenditori della fiction fantasy, egli merita un posto di tutto rispetto ed imperituro."H. P. Lovecraft"Il cavallo fantasma" rimane ancora oggi una delle storie del mistero più famose del genere. Il protago...

La terra della notte: Una storia d'amore (Weirdo)

La terra della notte: Una storia d'amore (Weirdo) di

In un futuro lontanissimo il sole è spento e la Terra avvolta da tenebre e nebbie evanescenti. I pochi esseri umani che ancora abitano il mondo vivono nel sottosuolo sfruttando l’energia tellurica e protetti dalla Grande Piramide. Entro queste possenti mura d’acciaio l’umanità è salva e insieme prigioniera. Fuori, nel buio di una notte senza fine, si aggirano creature spaventose: spettri avvolt...