Uno strazio inutile. Novelle sulla guerra (1914-1934) (nuovi E classici)

Compra su Amazon

Uno strazio inutile. Novelle sulla guerra (1914-1934) (nuovi E classici)
Autore
Luigi Pirandello
Editore
e-piGraphe
Pubblicazione
28 febbraio 2015
Categorie
Il volume riunisce per la prima volta tutte le novelle scritte da Pirandello sul tema della guerra. L'autore fu testimone di due conflitti: la guerra italo-turca (1911-1912) e la Prima guerra mondiale (1915-1918). Non visitò mai il fronte, né ebbe alcuna esperienza diretta dei combattimenti. L'unica prova che dovette affrontare fu la partenza per il fronte del figlio Stefano, che venne poi ferito e fatto prigioniero dagli austriaci. Per questo, l'autore si concentrò sugli effetti della guerra su chi restava, e sui cambiamenti che si operavano sul carattere dei reduci. L'ambiente descritto in questi racconti è quello borghese, a lui caro, ritratto con toni ora drammatici, ora divertiti, ora sarcastici, senza mai perdere di vista gli aspetti grotteschi dell'esistenza. Esce fuori da queste pagine, straordinariamente fresche ed attuali, la visione di uno strazio inutile, cui gli uomini sono obbligati da eventi stupidamente ineluttabili. Completa l'antologia un saggio di Enrico Rulli sulla narrativa pirandelliana di guerra.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luigi Pirandello

Le poesie complete (Tutto Pirandello)

Le poesie complete (Tutto Pirandello) di

Un Pirandello inedito, che spazia dal classico al contemporaneo al teatrale. Questa silloge raccoglie l'opera poetica completa del grande Nobel siciliano.

Uno, nessuno e centomila

Uno, nessuno e centomila di

Il titolo del romanzo è una chiave di lettura per comprenderlo fino in fondo, infatti quella di Vitangelo Moscarda è la storia di una consapevolezza che si va man mano formando: la consapevolezza che l'uomo non è Uno, e che la realtà non è oggettiva. Il protagonista passa dal considerarsi unico per tutti (Uno, appunto) a concepire che egli è un nulla (Nessuno), attraverso la presa di coscienza ...

Pirandello. Uno,nessuno e centomila (LeggereGiovane)

Pirandello. Uno,nessuno e centomila (LeggereGiovane) di

« Voi credete di conoscervi se non vi costruite in qualche modo? E ch’io possa conoscervi, se non vi costruisco a modo mio? E voi me, se non mi costruite a modo vostro? Possiamo conoscere soltanto quello a cui riusciamo a dar forma. Ma che conoscenza può essere? È forse questa forma la cosa stessa? Sì, tanto per me, quanto per voi; ma non così per me come per voi: tanto vero che io non mi ricon...

Uno, nessuno e centomila (Grandi Classici)

Uno, nessuno e centomila (Grandi Classici) di

“Uno, nessuno e centomila” è uno squarcio improvviso che si apre nel mondo delle certezze dell’essere umano, rimettendo in discussione ogni suo punto fermo, a partire dalla propria identità. Basta infatti una piccola miccia (un semplice commento della moglie sulla leggera imperfezione del suo naso) per innescare una reazione a catena nella mente e nei comportamenti del protagonista - Vitangelo ...

Uno nessuno centomila

Uno nessuno centomila di

Il protagonista di questa vicenda, Vitangelo Moscarda, è una persona ordinaria, che ha ereditato da giovane la banca del padre e vive di rendita. Un giorno, tuttavia, in seguito all'osservazione da parte della moglie la quale gli dice che il suo naso è leggermente storto, inizia ad avere una crisi di identità, a rendersi conto che le persone intorno a lui hanno un'immagine della sua persona com...

Il turno

Il turno di

Il romanzo prende le mosse dal progetto di don Marcantonio Ravì di dare in moglie la giovane figlia Stellina a Don Diego Alcozer, che è vecchio, ma assai ricco e veterano di ben quattro matrimoni e altrettante vedovanze. Se la figlia lo sposerà, alla morte del vecchio, che ormai non può tardare, ella sarà ricca e potrà sposare il suo spasimante Pepè Alletto, un giovane un po' sciocco e vanesio,...