Maria Zef (nuovi E classici)

Compra su Amazon

Maria Zef (nuovi E classici)
Autore
Paola Drigo
Editore
e-piGraphe
Pubblicazione
28 febbraio 2015
Categorie
Maria Zef è una ragazza di quattordici anni che abita sulle montagne della Carnia alla fine degli anni Trenta. Orfana di padre, la vita si accanisce su di lei, portandole via anche la madre. Ma lei subisce tutto con filosofia, senza perdere l'ottimismo che contraddistingue il suo carattere. Questo finché non rimane vittima di uno stupro. Più volte violentata, la giovane trova infine il coraggio per ribellarsi. E la sua ribellione arriverà alle estreme conseguenze. Premio Viareggio 1937, l'opera conserva ancora tutta la sua attualità. Adriana Mari-Pincherle rinfresca il romanzo svecchiandone lo stile e facendo un romanzo moderno e potente. Una lettura coinvolgente, uno squarcio nello stesso tempo poetico e spietato delle dure condizioni di vita del Friuli anteguerra. Completa l'edizione il saggio finale di Enrico Rulli, che inquadra criticamente l'opera.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Paola Drigo

Maria Zef

Maria Zef di

Premio Viareggio 1937, Maria Zef è uno dei più bei romanzi italiani del Novecento. Opera ultima di Paola Drigo, che sarebbe morta quell'anno stesso, narra la storia di una ragazza di quattordici anni che conduce la dura vita dei montanari, nel Friuli degli anni Trenta. Orfana di padre, persa anche la madre, rimane sola con la sorellina Rosetta. Vengono accolte in casa dallo zio che, in breve sc...

Fine d'anno di Paola Drigo

Fine d'anno di Paola Drigo di

Fine d'anno di Paola Drigo

La Fortuna di Paola Drigo

La Fortuna di Paola Drigo di

La Fortuna di Paola Drigo

Codino di Paola Drigo

Codino di Paola Drigo di

Codino di Paola Drigo

Maria Zef di Paola Drigo

Maria Zef di Paola Drigo di

Maria Zef di Paola Drigo

Codino (I Classici della letteratura italiana)

Codino (I Classici della letteratura italiana) di

La narrativa di Paola Drigo affonda le radici in un post-naturalismo (Verga, ma anche Fogazzaro) interpretato in chiave regionale (stimata infatti la più importante scrittrice di area veneta della prima metà del novecento), la rappresentazione di personaggi umili, soprattutto femminili, di vinti e di offesi, di ambienti poveri e desolati, dominati da forze elementari e talvolta brutali è rappre...