Elogio della follia

L'Elogio della Follia, l'opera di gran lunga più famosa di Erasmo da Rotterdam, viene composto in una sola settimana e pubblicato nel 1511. Tutt'ora è senza dubbio uno dei testi più influenti e seminali della cultura occidentale. La Follia personificata compie un curioso e a tratti divertente elogio di se stessa. Il saggio, pur essendo una trattazione filosofica, si presenta, almeno in “superficie”, facilmente fruibile e comprensibile. Vengono citati dall'autore diversi esempi a favore della grandezza della Pazzia. Nella parte conclusiva il tono si fa più serio ed Erasmo affronta abusi e pratiche corrotte perpetuati, a suo avviso, dalla Chiesa cattolica. Il testo, composto in Inghilterra, viene dall'autore dedicato al suo amico Tommaso Moro. La sua fortuna letteraria, a distanza di 500 anni, ancora non si è esaurita.


Erasmo da Rotterdam (pseudonimo di Desiderius Erasmus Roterodamus) nasce a Rotterdam in una data incerta compresa tra il 1466 e il 1469. Teologo e filosofo ancora oggi di fama mondiale, vivendo a cavallo tra la fine del Medio Evo e l'inizio del Rinascimento, è partecipe di un periodo di grande rinnovamento spirituale e culturale. Viaggia molto (Italia, Inghilterra, Svizzera) e gioca un ruolo da protagonista nel dibattito teologico di quegli anni. Alla Riforma di Lutero si contrappone infatti la Controriforma della Chiesa cattolica. Anche Erasmo è a suo modo un riformatore, ma rappresenta soprattutto l'alfiere indiscusso dell'Umanesimo cristiano. Tra le sue opere ricordiamo: l'Antibarbarorum Liber, gli Adagiorum collectanea e l'Enchiridion. Muore a Basilea il 12 luglio 1536. Una curiosità: in suo onore e alla sua pratica di viaggiare molto è stato intitolato il famoso programma universitario Erasmus.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Erasmo da Rotterdam

Opulentia sordida e altri scritti attorno ad Aldo Manuzio (Letteratura universale. Albrizziana)

Opulentia sordida e altri scritti attorno ad Aldo Manuzio (Letteratura universale. Albrizziana) di

Nel dicembre del 1507 Erasmo da Rotterdam bussò alla porta dell'officina veneziana di Aldo Manuzio. Desiderava conoscere l'editore che in pochi anni era diventato il punto di riferimento degli studiosi di tutta Europa. A lui voleva affidare un'opera cui teneva moltissimo: una versione rivista e corretta degli Adagia, la raccolta di proverbi latini e greci e che sarebbe diventata uno dei più dif...

Erasmo da Rotterdam - Elogio della follia (RLI CLASSICI)

Erasmo da Rotterdam - Elogio della follia (RLI CLASSICI) di

Scarica un estratto GRATIS e inizia a leggere subito! Questo ebook ha: INDICE LINKATO.

Elogio della follia

Elogio della follia di

Chi è veramente folle?Chi si consuma in un'esasperata ricerca del sapere e si esclude dal mondo o chi si butta a capofittonella vita di ogni giorno e ne assapora fino in fondo tutti i piaceri?Ribaltando i luoghi comuni diffusi nella sua epoca, Erasmo da Rotterdam (1467-1536) lasciache sia la follia a tessere un elogio di se stessa come fonte della gioia, della vita e dell'amore.Con un linguaggi...

Elogio della Follia

Elogio della Follia di

La Follia parla in prima persona di se stessa, prendendo le distanze dai "mortali" e lasciando quindi intendere la sua natura divina. Si proclama figlia di Pluto, dio della ricchezza, e della Giovinezza, e dice inoltre di essere stata allevata dall'Ignoranza e dall'Ubriachezza. Portatrice di allegria e spensieratezza, giustifica l'autoelogio con la sua natura schietta, che si rivela anche nel l...

Elogio della follia: Ediz. integrale (Classici del pensiero)

Elogio della follia: Ediz. integrale (Classici del pensiero) di

IN OFFERTA LANCIO !"Elogio della follia (titolo greco: Morias Enkomion, latino: Stultitiae Laus oppure Encomium Moriae, alle volte tradotto con: In elogio della follia, olandese: Lof der Zotheid) è un saggio scritto da Erasmo da Rotterdam nel 1509. Elogio della follia è considerato uno dei lavori letterari più influenti della civiltà occidentale e il catalizzatore della Riforma protestante. Il ...

Dolce è la guerra per chi non ne ha esperienza: Storie politiche tratte dagli "Adagia"

Dolce è la guerra per chi non ne ha esperienza: Storie politiche tratte dagli "Adagia" di

Gli "Adagia" sono una sorta di monumentale enciclopedia della cultura classica organizzata intorno a motti, detti, proverbi della più diversa provenienza. Talvolta Erasmo si limita a riferire in poche righe il proverbio nelle varie attestazioni che gli sono note, altre volte lo stesso proverbio gli suggerisce lo spunto per considerazioni molto più articolate e ricche. Comunque, non c’è dubbio c...