Eugénie Grandet

Eugénie Grandet (1833) è uno dei romanzi più famosi di Balzac, probabilmente per la sua forza espressiva e la compostezza delle descrizione che lo rendono un perfetto congegno narrativo. Incentrato sul gusto e l’importanza del denaro e della ricchezza per un avaro, racconta la storia di Grandet un commerciante che ha accumulato un’enorme fortuna anche facendo vivere in ristrettezze la figlia Eugenié e la madre. La ragazza, molto corteggiata in quanto ricca ereditiera, si innamora però del cugino Charles, colpito dal fallimento del padre; Eugénie gli dona tutti i suoi risparmi per permettergli di partire alla volta delle Indie e cercare così fortuna. Prima di partire Charles le fa una promessa d’amore che potrà concretizzarsi solo al suo ritorno con il matrimonio. Varie vicende si alterneranno, ma ciò che resterà sarà comunque una concreta certezza: l’intera vita di Eugénie sarà segnata dalle scelte del padre e dalle pieghe che i fatti prenderanno, seguendo l’importanza della ricchezza.


Honoré de Balzac nasce a Tours nel 1799. Appartenente a una famiglia della media borghesia (solo nel 1830 lo scrittore aggiungerà il “de” al suo cognome), inizialmente studia giurisprudenza a Parigi, ma segue anche dei corsi di letteratura alla Sorbona. Nel 1819 i genitori gli concedono di dedicarsi alla sua vocazione letteraria ma le prime opere non vengono accolte con lo sperato consenso. Dopo alterne vicende solo nel 1829 pubblicherà un romanzo storico Gli Sciuani che, ottenendo un buon successo, darà il via alla sua carriera letteraria. Tra le sue opere più conosciute ricordiamo Papà Goriot (1834) e soprattutto la Commedia umana, progetto ambizioso iniziato anch’esso nel 1834 e sviluppato in vari anni, in cui pensa di far comparire in un unico romanzo tutti i personaggi delle sue precedenti opere e grazie al quale approfondirà quel “realismo visionario” caratteristica d’analisi dei suoi scritti. Muore a Parigi nel 1850.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Honoré de Balzac

Illusioni perdute (Libri da premio Vol. 63)

Illusioni perdute (Libri da premio Vol. 63) di

Ancora una volta Balzac dedica un approfondito studio alla vita di provincia, portando alla nostra attenzione scene solo all'apparenza di normale quotidianità nel tessuto sociale francese dell'Ottocento. Questo romanzo pubblicato inizialmente in tre parti tra il 1837 e il 1843 fu dedicato a un altro dei grandi scrittori francesi del Diciannovesimo Secolo, Victor Hugo. È la storia di un giovane ...

La falsa amante: (dalle Scene della vita privata)

La falsa amante: (dalle Scene della vita privata) di

Un intrigo amoroso che vede coinvolti due amici della bella società parigina. La nuova edizione di un classico appartenente al vasto ciclo balzachiano degli "Studi di costumi".

Ferragus: capo dei Devorants

Ferragus: capo dei Devorants di

Protagonista del romanzo, il primo che compone la trilogia de La storia dei tredici, è il barone de Malincour che, in cerca di Clémence, la donna da lui amata, crede di scoprire un losco legame fra costei e un pezzente di nome Ferragus. Ma la vera identità dell'uomo sfugge a tutti... Capolavoro narrativo e stilistico, Ferragus è uno dei più affascinanti e accesi romanzi usciti dalla penna genia...

I segreti della principessa di Cadignan

I segreti della principessa di Cadignan di

Collezionatrice di amanti, la dissoluta principessa di Cadignan non esita a ingannare il suo spasimante di turno esibendo una fallace immagine di sé. Una figura femminile tipica del "teatro" balzachiano.

Eugenie Grandet (Emozioni senza tempo)

Eugenie Grandet (Emozioni senza tempo) di

In questa storia ambientata in un piccolo paesino della provincia agricola francese e avente per protagonista la giovane Eugenie, figlia del ricco vignaiuolo Grandet, si ritrovano tutti i tratti tipici del romanzo realista di Balzac: la descrizione della monotona e ripetitiva vita di campagna, l'improvviso scompiglio provocato dall'arrivo da Parigi di un'affascinante giovanotto, il contrasto tr...

Eugénie Grandet

Eugénie Grandet di

Gli ultimi mesi del 1833 sono per Balzac un momento privilegiato di vitalità e di fervido slancio creativo. È durante questa felice stagione che il grande scrittore compone Eugénie Grandet, uno dei vertici qualitativi assoluti del romanzo francese dell'Ottocento, ammirato fin dal suo primo apparire per la straordinaria vitalità psicologica dei personaggi e per la stupefacente concretezza con cu...