Eugénie Grandet

Eugénie Grandet (1833) è uno dei romanzi più famosi di Balzac, probabilmente per la sua forza espressiva e la compostezza delle descrizione che lo rendono un perfetto congegno narrativo. Incentrato sul gusto e l’importanza del denaro e della ricchezza per un avaro, racconta la storia di Grandet un commerciante che ha accumulato un’enorme fortuna anche facendo vivere in ristrettezze la figlia Eugenié e la madre. La ragazza, molto corteggiata in quanto ricca ereditiera, si innamora però del cugino Charles, colpito dal fallimento del padre; Eugénie gli dona tutti i suoi risparmi per permettergli di partire alla volta delle Indie e cercare così fortuna. Prima di partire Charles le fa una promessa d’amore che potrà concretizzarsi solo al suo ritorno con il matrimonio. Varie vicende si alterneranno, ma ciò che resterà sarà comunque una concreta certezza: l’intera vita di Eugénie sarà segnata dalle scelte del padre e dalle pieghe che i fatti prenderanno, seguendo l’importanza della ricchezza.


Honoré de Balzac nasce a Tours nel 1799. Appartenente a una famiglia della media borghesia (solo nel 1830 lo scrittore aggiungerà il “de” al suo cognome), inizialmente studia giurisprudenza a Parigi, ma segue anche dei corsi di letteratura alla Sorbona. Nel 1819 i genitori gli concedono di dedicarsi alla sua vocazione letteraria ma le prime opere non vengono accolte con lo sperato consenso. Dopo alterne vicende solo nel 1829 pubblicherà un romanzo storico Gli Sciuani che, ottenendo un buon successo, darà il via alla sua carriera letteraria. Tra le sue opere più conosciute ricordiamo Papà Goriot (1834) e soprattutto la Commedia umana, progetto ambizioso iniziato anch’esso nel 1834 e sviluppato in vari anni, in cui pensa di far comparire in un unico romanzo tutti i personaggi delle sue precedenti opere e grazie al quale approfondirà quel “realismo visionario” caratteristica d’analisi dei suoi scritti. Muore a Parigi nel 1850.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Honoré de Balzac

La fanciulla dagli occhi d'oro (eNewton Classici)

La fanciulla dagli occhi d'oro (eNewton Classici) di

Cura e traduzione di Lucio ChiavarelliEdizione integraleConsiderato uno dei più fulgidi esempi di erotismo nella letteratura dell’Ottocento, questo romanzo mette a nudo nel modo più diretto e inequivocabile, con la perentorietà dei raggi solari in un meriggio torrido, «l’altra faccia dell’eros», ovvero l’omofilia dei personaggi femminili. Costituisce perciò non soltanto una novità nell’ambito d...

La pelle di zigrino (Garzanti Grandi Libri)

La pelle di zigrino (Garzanti Grandi Libri) di

È meglio subire una società ispirata ai valori dell'egoismo oppure esistere in solitudine, in rapporto diretto con l'energia cosmica e la morte? È meglio sopravvivere senza passioni, senza pensieri, senza piaceri, o vivere intensamente, esaurendo il proprio capitale energetico? La tragica storia di Raphaël, la sua lenta agonia, non dà risposte. La pelle di zigrino è un libro nero, amaro, disper...

Sarrasine (Universale economica. I classici)

Sarrasine (Universale economica. I classici) di

Una sontuosa festa da ballo, il lusso della villa di una famiglia parigina, un uomo in compagnia di una giovane dama, e poi un bizzarro centenario che compare d’improvviso come presenza inquietante in tanto splendore, eppure circondata di premure e rispetto. Non può che suscitare la perplessità degli ospiti, che si interrogano sulla sua vera identità. Inizia così, come un racconto del mistero...

Séraphîta (I fuochi)

Séraphîta (I fuochi) di

Sèraphîta-Sèraphîtüs è un essere che riunisce in sé le nature del maschile e del femminile, “è un angelo giunto alla sua ultima trasformazione, che infrange il suo involucro per ascendere al Cielo”; egli è amato da un uomo e da una donna, ai quali rivela che hanno in realtà amato, trasferendolo in lui, l’amore che li legava reciprocamente e che, dopo tale esperienza iniziatica, resta loro in er...

Papà Goriot (Garzanti Grandi Libri)

Papà Goriot (Garzanti Grandi Libri) di

In Papà Goriot Balzac scolpisce il ritratto intenso e pregnante di un uomo totalmente dominato dall’amore esclusivo e cieco per le proprie figlie. Avide, egoiste e frivole, esse lo prosciugano a poco a poco di ogni avere e lo abbandonano: il vecchio Goriot – dietro cui in filigrana si può scorgere il vecchio re Lear shakespeariano – è ridotto a vivere in una squallida pensione. L’impietoso real...

Eugénie Grandet (Garzanti Grandi Libri)

Eugénie Grandet (Garzanti Grandi Libri) di

Considerato da molti il capolavoro di Balzac, Eugénie Grandet presenta due figure tra le più straordinarie della letteratura francese: Félix Grandet, commerciante ricchissimo, prigioniero della propria smisurata avarizia, e la figlia Eugénie, d’animo nobile e sensibile, prigioniera di un sogno d’amore. Due ritratti indimenticabili, tratteggiati con vigore e grande maestria psicologica, che si f...