L'idiota ("Un uomo positivamente buono")

Compra su Amazon

L'idiota ("Un uomo positivamente buono")
Autore
Fëdor Dostoevskij
Editore
Kentauron
Pubblicazione
11 dicembre 2014
Categorie
L'idiota (in russo: ?????, Idiot) è un romanzo di Fëdor Michajlovi? Dostoevskij. Considerato uno dei massimi capolavori della letteratura russa, vuole rappresentare “un uomo positivamente buono”, un Cristo del XIX secolo.


La stesura fu contemporanea all'esilio dello scrittore, dovuto ai debiti: ebbe inizio a Ginevra nel settembre del 1867, proseguì a Vevey (sul lago di Ginevra), a Milano, e terminò nel gennaio del 1869 a Firenze. Una targa al numero 18 di Piazza de' Pitti ricorda la permanenza dell'autore nel palazzo per quasi un anno. L'opera nel frattempo uscì a puntate dal 1868 sulla rivista Russkij vestnik (il Messaggero Russo), mentre fu presentata in forma unica l'anno successivo.

In una lettera del 1867 indirizzata allo scrittore Apollon Nikolaevi? Majkov, Dostoevskij descrisse il nucleo poetico del romanzo a cui stava lavorando:

«Da tempo mi tormentava un’idea, ma avevo paura di farne un romanzo, perché è un’idea troppo difficile e non ci sono preparato, anche se è estremamente seducente e la amo. Quest’idea è raffigurare un uomo assolutamente buono. Niente, secondo me, può essere più difficile di questo, al giorno d’oggi soprattutto.»

È importante sottolineare come l'aggettivo "buono" usato nella lettera fosse nell'originale russo "prekrasnyi", che indica lo splendore della bellezza e della bontà insieme.

L'opera ha avuto diversi adattamenti teatrali, cinematografici e televisivi.

Nel corso del romanzo è più volte citato e discusso dai personaggi, il quadro di Hans Holbein il Giovane, "Il corpo di Cristo morto nella tomba". Dostoevskij aveva visto il dipinto nel 1867 a Basilea e ne era rimasto fortemente impressionato.

Traduzione di Federigo Verdinois (1927), aggiornata all'italiano corrente dalla redazione. Federigo Verdinois (Caserta, 2 luglio 1844 – Napoli, 11 aprile 1927) è stato un giornalista, scrittore e traduttore italiano.

Fëdor Michajlovi? Dostoevskij (in russo: ????? ?????????? ???????????; Mosca, 11 novembre 1821 – San Pietroburgo, 9 febbraio 1881) è stato uno scrittore e filosofo russo.
È considerato, insieme a Tolstoj, uno dei più grandi romanzieri e pensatori di tutti i tempi.

Nuova edizione: 19 aprile 2015

Nota: Se hai acquistato questo ebook prima del 19 aprile 2015 e vuoi ricevere gratuitamente la nuova edizione, rivista e corretta, invia un'email alla redazione di Kentauron, all'indirizzo che trovi all'interno dell'ebook.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Fëdor Dostoevskij

Povera Gente (Classici Vol. 6)

Povera Gente (Classici Vol. 6) di

Scritto e pubblicato nel 1846, Povera gente è il primo lavoro di Fëdor Dostoevskij. Nella traduzione di Federico Verdinois, l’opera, un romanzo epistolare, è introdotta da una raccolta di saggi sull'autore di Leone Ginzburg.

Il giocatore: Versione integrale

Il giocatore: Versione integrale di

In una cittadina termale tedesca famosa per il suo casinò, il giovane precettore Aleksej Ivanovič viene posseduto dal demone della roulette. Una passione febbrile che distrugge gli animi e le menti in un inferno chiuso e allucinato, riflesso speculare della dipendenza di Dostoevskij stesso dal demone del gioco. Carico di tensione e implacabile nell’analisi psicologica dei posseduti, questo racc...

Povera gente

Povera gente di

È particolare l’emozione che ci guida quando ci si accinge a leggere "Povera gente" di Dostoevskij perché tutto, in quest’opera, accade per la prima volta: la prima scala pietroburghese, sporca e cadente, la prima fanciulla umiliata e offesa, il primo sognatore innamorato e disilluso dalla vita, il primo sordido individuo pronto a sottrarre l’innocenza a chi gli sta attorno. Dostoevskij non ave...

Il giocatore

Il giocatore di

La straziante vicenda di un lucidissimo "folle", vinto dalla passione per il gioco, in un'atmosfera allucinata e grottesca. Una storia in parte autobiografica del grande scrittore russo (1821-81).

Le notti bianche: Romanzo sentimentale dai ricordi di un sognatore (Il Picci One)

Le notti bianche: Romanzo sentimentale dai ricordi di un sognatore (Il Picci One) di

Fëdor Dostoevskij LE NOTTI BIANCHE Romanzo sentimentale dai ricordi di un sognatore Sullo sfondo della Pietroburgo delle notti bianche, deserta e irreale, un impiegato, un «sognatore», incontra casualmente su uno dei ponti della città Nastjen’ka. La giovane gli apre il suo cuore in un dialogo che dura quattro notti e che li porterà a cullarsi nel sogno di una vita insieme. Sino al fatidico mat...

I fratelli Karamazov

I fratelli Karamazov di

Io credo che se il diavolo non esiste e se, quindi, è stato l'uomo a inventarlo, questi l'ha creato a sua immagine e somiglianza.