I poveri sono matti (Tascabili)

“Zavattini si muove lungo la pista che dal comico porta all’umorismo, vale a dire, procura di inventare senza posa fatterelli, colpi di scena che riscattino la vita dal grigio della routine e dell’abitudine, che ci facciano riassaporare i piaceri dell’imprevisto, dell’emozione. L’autore si colloca nel mondo di una piccola borghesia di impiegati sepolti sotto il peso di interminabili ore d’ufficio, posti di fronte al difficile compito di sbarcare il lunario, di far quadrare i conti, di soddisfare alla scadenza delle cambiali, di placare le attese e i nervosismi della famiglia, di difendersi dalle angherie del principale, del capufficio e dei colleghi petulanti. Un mondo cecoviano, crepuscolare, post-verista, insopportabile se appunto non venisse riscattato dall’accendersi delle mille fiammelle dell’imprevisto.”
Dall’Introduzione di Renato Barilli

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Cesare Zavattini

Straparole

Straparole di Cesare Zavattini Bompiani

Diviso in quattro parti, due diaristiche ( Diario di cinema e di vita e Riandando ) e due narrative ( Viaggetto sul Po e Lettere da Cuba a una donna che lo ha tradito ), Straparole fu pubblicato per la prima volta in versione integrale da Bompiani nel 1967. Come in un’autobiografia romanzata, Zavattini insegue accanitamente i ricordi, gli incontri, gli amici e i nemici celebri o ...